CHIEDI ALLA TERRA: come riconnettersi alla Natura grazie alla Geomanzia

geomanzia

In un mondo frenetico e dove il trend di urbanizzazione è in continuo aumento (A livello globale, infatti sempre più persone preferiscono vivere nelle aree urbane che in quelle rurali. Nel 2014, la popolazione mondiale residente nei centri urbani è stata pari al 54%, rispetto al 30% del 1950. Si calcola che per il 2050, la percentuale salirà fino al 66%.), si sta realmente perdendo il contatto con la natura, con gli elementi che distinguevano le antiche civiltà dalla nostra. 

E’ chiaro che la nostra civiltà ha voluto prendere il sopravvento sulla madre terra, in un atteggiamento estremamente “maschile”,sentendosi ormai “separata” dalla natura stessa.

Creando un distacco tra essere “umani” e tutto il resto, che è stato piazzato ad un livello “più basso” di questa piramide.

Una sorta di delirio di supremazia.

(Quando parlo di “maschile”, intendo il maschile come energia. Energia sicuramente penetrante, e predominante, rivolta verso la “conoscenza del fuori di sé”, piuttosto che del “dentro di sé”, energia questa che infatti è prettamente femminile: Più accogliente, più introspettiva, più “trattenuta”) .

Le Civiltà antiche, con un energia più femminile, avevano totalmente un concetto opposto: Noi umani non siamo solo esseri che vivono nella natura e su questo pianeta. Noi SIAMO PARTE della natura e di questo pianeta.

Nell’articolo Vivere la natura: come uscire dal caos e incominciare a stare meglio ho parlato del rapporto con la natura che si sta disperdendo,e se volete approfondire, potete dare una occhiata per curiosità.

Geomanzia: tanto antica quanto attuale

Per restare in tema invece, dopo la dovuta introduzione, va da sé che, in seguito a questo distacco e a questa separazione tra uomo e natura, il risultato è un impoverimento di energie più sottili,e la perdita di antiche saggezze che non possono più essere alimentate.

E’ interessante però sapere che questa energia femminile, sta tornando. E con lei anche la connessione con queste vibrazioni che non si sentivano più.

Gli esseri umani hanno stretta necessità di essere connessi con la terra…e quindi, perché non ricontattare questa energia femminile, sicuramente più “percettiva”, più intuitiva, e non chiedere direttamente “alla terra”?

Attraverso la Geomanzia, infatti, possiamo interpretare le energie e i segnali della terra stessa, e trovare risposte. 

Chiedi alla Terra, un testo più unico che raro, di Sarah Perini, parla proprio di questo.

Secondo l’autrice, Chiedi alla terra è infatti un imperativo che ci riporta in ogni tempo, al bisogno primario dell’uomo di ricevere risposte dalla Madre Terra e dagli Dei, rispetto alla propria storia di vita e alle proprie necessità quotidiane, spirituali e materiali. 

Questo testo si propone di ri-svelare uno strumento antichissimo, quanto semplice e diretto, utilizzato da tempi remoti a fini divinatori, capace di dare risposte su questioni minime come su interrogativi filosofici ed esoterici di vasta portata

L’Universo codificato dai simboli della geomanzia riflette il nostro microcosmo come il macrocosmo nel quale la vita umana è più ampiamente inserita, ogni figura è passibile di trasformazioni e può rappresentare anche le più piccole sfumature dell’esperienza dell’anima e del sentiero dell’esistenza.

Sperando di aver lasciato qualche spunto di riflessione, consiglio la lettura di:

 

Chiedi alla TerraChiedi alla Terra
L’arte della divinazione geomantica
Sarah PeriniCompralo su il Giardino dei Libri

geomanzia geomanzia geomanzia geomanzia geomanzia geomanzia geomanzia geomanzia geomanzia geomanzia geomanzia geomanzia 

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *