FREESCOO: Il Condizionatore a Pannelli Solari che non consuma energia elettrica!

freesco-condizionatore-solare

Si chiama FREESCOO: Permette di avere la casa sempre fresca, d’estate, utilizzando sì il condizionatore ma sfruttando l’energia solare. Un condizionatore fotovoltaico, in grado di rinfrescare senza produrre emissioni inquinanti e risparmiando in bolletta. È questa la nuova soluzione proposta dall’Enea.

condizionatore solare

Si chiama FREESCOO (FREE Solar COOling) il condizionatore d’aria compatto presentato durante il workshop sull’utilizzo del calore solare e ambientale per la climatizzazione che si è svolto all’Enea, a Roma.

Lo speciale condizionatore in un solo dispositivo racchiude trattamento dell’aria, climatizzazione, deumidificazione e raffreddamento.

Caldo d’inverno e fresco d’estate. D’inverno, in condizioni di disponibilità di radiazione solare, è utilizzabile con funzione di riscaldamento grazie all’uso dipannelli fotovoltaici e di due batterie per lo stoccaggio dell’energia elettrica, FREESCOO può inoltre essere utilizzato anche in assenza di elettricità, in modalità off-grid, e a costo energetico praticamente nullo.

Il sistema si basa su un ciclo di trattamento dell’aria che assicura il controllo della temperatura e dell’umidità nell’ambiente in cui si trova, garantendo anche il ricambio dell’aria. Il refrigerante utilizzato all’interno della macchina è l’acqua. A garantire il suo basso fabbisogno elettrico sono i pannelli fotovoltaici integrati.

Una tecnologia all’avanguardia, secondo l’Enea, che consente risparmi energetici 8 volte superiori a quelli conseguiti dai sistemi tradizionali. Una scelta non solo utile per le tasche ma anche per l’ambiente. Sottolinea l’Enea che gli edifici e i relativi impianti di climatizzazione assorbono il 40% del consumo globale di energia e producono il 36% delle emissioni totali di CO2.

Si tratta di un settore sempre più in espansione. Da qui la necessità di individuare alternative meno inquinanti. Senza contare che tali sistemi mettono al riparo dai black-out estivi causati dal picco di consumi elettrici dovuti al ricorso elevato ai condizionatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *