Obesità e metodi bruciagrassi

cibo-brucia-grassi

Può sembrare strano, ma si sa ancora poco su causa e cure per l’obesità. Si ritiene che mangiare meno e fare più esercizio fisico sia il modo migliore per perdere peso.

Ma anche se la ricetta sembra semplice, il numero di obesi aumenta costantemente, e sempre più rapidamente: l’Organizzazione mondiale della Sanità stima che l’obesità dal 1980 a oggi è più che raddoppiata. Attualmente si contano nel mondo un milione e 400 mila soggetti sovrappeso e di questi circa 500 milioni risultano obesi; in Italia più del 40% degli adulti ha un peso eccessivo e lo stesso fenomeno diffuso fra la popolazione infantile ci fa guadagnare i primi posti in Europa. Ma perché essere cicciottelli può farci male?

Tutto dipende dalle cellule adipose: un tempo considerate solo luogo di deposito dei grassi per ottenere energia, sono in realtà da considerare un vero e proprio organo, distinte in bianche e brune.

Le cellule adipose bianche si trovano in tutto il corpo, soprattutto sotto pelle, così come in grandi depositi a livello dell’addome, la pancia insomma. Il loro ruolo è quello di accumulare grassi per poi restituirli tra un pasto e l’altro e assicurare energia 24 ore su 24, garantiscono la nostra sopravvivenza agendo sul comportamento: inducono a cercare cibo quando il livello dei grassi nelle cellule non è sufficiente.

Il problema è che se crescono troppo a causa di una dieta errata, ricca di calorie e grassi, l’apporto di sangue non riesce a tenere il passo con questa espansione, le cellule cominciano a soffrire per mancanza di ossigeno, il loro rivestimento si indurisce, non è più elastico, e la cellula “scoppia”. Il grasso fuoriesce, va in circolo, e questo porta a uno stato di infiammazione e, in ultima analisi, alla malattia metabolica – insulino-resistenza e diabete di tipo 2 – le drammatiche conseguenze appunto dell’obesità.

ALIMENTI SCIOGLIGRASSO

È il caso di affermarlo con decisione: non c’è cibo che bruci il grasso corporeo o faccia perdere peso più velocemente. Le diete incentrate su singoli alimenti sono invece molto dannose per l’organismo, perché solo grazie a un regime alimentare vario si ottengono tutte le sostanze e i nutrienti essenziali per mantenersi in buona salute.

Ci sono però degli alimenti che possono coadiuvare lo smaltimento dei grassi, tra questi:

  • Broccoli
  • Frutti rossi
  • Pesce azzurro
  • Olio di oliva
  • Cereali integrali
  • Fagioli
  • Thè verde
  • Peperoncino

cibo-brucia-grassi

In un questo articolo pubblicato sulla rivista The New England Journal of Medicine in cui si sfatano miti e presunzioni sull’obesità, tra i fattori certi per ridurre i grassi di deposito troviamo: «Assumere meno calorie di quante ne abbiamo bisogno, fare esercizio con regolarità, coinvolgere tutta la famiglia nelle scelte alimentari sane».

Nessun alimento magico o “sciogligrasso”, nessuna scorciatoia: per evitare gli odiati cuscinetti funziona solo mangiare poco – ma di tutto – aumentare il livello di attività fisica e farlo insieme agli altri.

Ci sarebbe però un modo per limitare i danni: innanzitutto dimagrire, ma anche convertire le cellule di grasso bianco in cellule grasso bruno, che accumulano grassi, ma li “bruciano” trasformandoli prontamente in calore, generalmente se esposti al freddo.

Infatti il freddo, inclusi i brividi, e l’esercizio fisico stimolano la conversione da grasso bianco a bruno.

Per perdere peso in pratica si dovrebbe: mangiare meno, in particolare meno grassi, abbassare i termostati dei riscaldamenti e approfittare di ogni momento libero per fare esercizio fisico, soprattutto quando fa più freddo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *