Che cosa ci comunicano i nostri sintomi? Ecco come decifrarli

I sintomi di molte patologie ,dal semplice raffreddore, ad avvisi di infarti, sono sempre portatori di un messaggio che ci comunicano in modo chiaro cosa dobbiamo cambiare nella nostra vita, o nella nostra sfera emotiva.

I vaccini ci proteggono davvero dalle malattie? Gli antibiotici possono essere nocivi? Si può combattere il tumore anche attraverso la risoluzione di un trauma emotivo?L’autorità assoluta della medicina tradizionale è messa sempre di più in dubbio dai suoi stessi insuccessi, ed è ovvio in quanto si occupa solo dei sintomi e non della causa del malessere. 

Ciò che definiamo patologia, infatti, è in realtà un insieme di sforzi compiuto dall’organismo per cercare di far fronte a una situazione negativa. Moltissime malattie, anche definite incurabili, guariscono facendo un lavoro interiore, di rilascio emozionale e risolvimento dei traumi: molti terapeuti semplicemente con l’ipnosi o entrando in contatto con la parte intima della psiche riescono ad innescare la guarigione dei pazienti.

Ecco una efficace quanto semplice descrizione dei più comuni sintomi fatta da Alejandro Jodorowsky:

Il raffreddore “cola” quando il corpo non piange.
Il dolore di gola “tampona” quando non è possibile comunicare le afflizioni.
Lo stomaco “arde” quando le rabbie non riescono ad uscire.
Il diabete “invade” quando la solitudine duole.
Il corpo “ingrassa” quando l’insoddisfazione stringe.
Il mal di testa “deprime” quando i dubbi aumentano.
Il cuore “allenta” quando il senso della vita sembra finire.
Il petto “stringe” quando l’orgoglio schiavizza.
La pressione “sale” quando la paura imprigiona.
Le nevrosi “paralizza” quando il bambino interno tiranneggia.
La febbre “scalda” quando le difese sfruttano le frontiere dell’immunità.
Le ginocchia “dolgono” quando il tuo orgoglio non si piega.
Il cancro “ammazza” quando ti stanchi di vivere.
Ed i tuoi dolori silenziosi?
Come ti parlano attraverso il tuo corpo?
La malattia non è cattiva, ti avvisa che stai sbagliando cammino.

La comprensione profonda ci insegna che il cammino è solo apparentemente sbagliato perché sembra produrre sofferenza, ma in realtà è il perfetto strumento di cui abbiamo bisogno per crescere ed evolvere in questo esatto momento. Secondo la famosa guaritrice Claudia Rainville i sintomi sono rappresentano la prima fase delprocesso, attirando la nostra attenzione, la fase successiva è quella riparatrice. Intervenendo soltanto sui sintomi, come fa la medicina tradizionale, si impedisce quindi al corpo di risolvere la crisi. In ognuno di noi è già presente tutta l’energianecessaria per innescare il processo di guarigione: dobbiamo solo imparare ad attivarla.

I bestseller mondiali Metamedicina 2.0 – Ogni Sintomo è un Messaggio e Malattia e destino sono un valido strumento per aiutarci a capire quale connessione psico-emotiva ci sia dietro ogni sintomo.

Vi consiglio anche la lettura della sezione dedicata (e completa) alla metamedicina:

Ogni sintomo è un messaggio…Scopri come guarire con la metamedicina

Quindi quando compare un sintomo, che sia fisico o psicologico, sebbene l’istinto iniziale sia quello di sopprimerlo, possiamo cominciare ad ascoltarlo e comprenderlo e scoprire se qualcosa di meraviglioso possa fiorire da esso, una trasformazione che muta quella debolezza in forza, rendendoci nuovi e più in armonia con la vita. 

credit: DioniDream

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *