Lettera A

A

 

ABATE

21 – 31 – 33 – 38

Significato divinatorio. Agli uomini, sognare un abate predice pericoli e malattie; alle donne un’esistenza angustiata da problemi e continue tribolazioni.

Un abate secolare è indice di perdite finanziarie; travestito, di malanni, di problematiche connesse alla salute.

Un gruppo di abati fa prevedere disonore, vergogna; una fila nell’atto di scendere una scala, lotte familiari, discordie.

Una curiosità: si narra che frati e abati siano abilissimi nel rivelare (in sogno) i numeri del lotto.

ABBAIARE

30 – 49 – 90

Significato divinatorio. Udire abbaiare indica la necessità di far tesoro dei consigli disinteressati degli amici. Probabile vincita di processi.

Se è il sognatore stesso a farlo il sogno prevede mutamenti, svolte decisive per la personalità.

Se si riconosce nell’animale il cane del vicino, è richiesto l’aiuto del sognatore nei confronti di chi si trova in difficoltà.

ABBANDONO

1 – 5 – 7 – 12 – 33 – 64 – 79

Significato divinatorio. Il contenuto onirico rovescia, come spesso accade, la situazione reale. L’abbandono appare infatti presagio di amicizie fedeli e fidate. In particolare: l’abbandono della casa lascia sperare profitti, guadagni. L’abbandono da parte della donna presagisce (non senza una punta di ironia) gioia, divertimento. Un pronostico di allegria anche per l’abbandono da parte di personaggi ricchi ed influenti. L’abbandono della patria non è invece indizio altrettanto fausto, perché promette perdite dovute a un eccesso di malafede. Similmente, abbandonare o essere abbandonato da parenti lascia intravvedere una prossima disgrazia. Abbandonare il marito si traduce, secondo la tradizione, in una sicura, lampante prova d’amore.

ABBAZIA

16 – 17 – 73 – 84 – 85

Significato divinatorio. Associata alla religiosità, alla preghiera e alla pace, l’immagine onirica dell’abbazia lascia prevedere prosperità, benessere, consolazione, in particolare se il sognatore entra nell’edificio. Qualche autore limita però questo privilegio al solo sesso femminile, riservando agli uomini un presagio di afflizioni e sventura. Simile pronostico si estende anche alle donne qualora il sognatore non entri e si limiti a osservare la costruzione dall’esterno.

ABBEVERATOIO

16 – 17 – 73 – 84 – 85

Significato divinatorio. Sognare un abbeveratoio rappresenta secondo la tradizione un fausto presagio di eredità. In particolare, se appare sporco indica la prossima nascita di un figlio; se è secco, misteri da chiarire; se vi si abbeverano dei cavalli, gioie a venire; se ad abbeverarsi è invece un asino il sognatore dovrà subire un processo con esito felice.

ABBIGLIAMENTO (vedi Vestiti)

10 – 88

Significato divinatorio. Nei sogni in genere l’abbigliamento è sinonimo di contrarietà. Ma in particolare denota: nuovo, salute eccellente; bucato, tormenti, problemi a non finire; sporco, disonore, vergogna; multicolore, disaccordi con parenti e amici; venderlo, prodigalità eccessiva, totale insofferenza al risparmio; essere spogliato a forza, maldicenze, nemici determinati a rovinare la reputazione del sognatore; veder bruciare i propri capi di abbigliamento, noie, litigi, processi con esito dubbio.

Significato psicologico. L’abbigliamento è nella nostra società uno schermo protettivo, l’illusione dell’invulnerabilità, prerogativa di tanti mitici eroi. L’importanza di questa seconda pelle che uniforma e contemporaneamente differenzia gli appartenenti ai diversi strati sociali risale probabilmente al totemismo, come fattore di distinzione dei vari clan, derivanti ciascuno da un mitico animale e ad esso legati da una serie di obblighi e interdizioni.

ABBONDANZA

2

Significato divinatorio. Il tipico rovesciamento del contenuto onirico prevede qui una sicurezza fasulla, un’abbondanza esteriore che racchiude in realtà soltanto miseria. Chi vuole ignorare questa frequente caratteristica onirica vi vede un rassicurante messaggio di pace. In caso tale fortuna sia condivisa con un amico, il presagio appare felicissimo: totale riuscita, soddisfazione, gioia. Se condivisa con una donna è, invece, sicuro indice di rovina.

ABBORDAGGIO

56

Significato divinatorio. Un abbordaggio, a parere di numerose chiavi dei sogni, promette nuove e liete notizie.

In caso venga effettuato da una nave in pericolo, minaccia però grave sfortuna per il sognatore. Effettuato durante un combattimento navale, prevede vittoria sui nemici.

ABBRACCIO

40 – 41 – 47 – 57 – 58

Significato divinatorio. L’abbraccio da parte di estranei è indice di affari prosperi. Da parte di straniero, per associazione di idee, di viaggio imminente. Di un amico, indica scoraggiamento; di parente, inganni e truffe; di donna, buona fortuna; di un trapassato, false notizie.

ABDICAZIONE

83

Significato divinatorio. L’abdicazione di re o regine promette sbalorditive notizie ed eventi non comuni in paesi stranieri.

ABETE

2

Significato divinatorio. L’abete che a Natale fa puntualmente il suo ingresso nelle case, carico secondo il costume nordico di bolle di vetro argentato, promette, visto in sogno, sicuro successo e amici sinceri e leali.

ABISSO

47 – 71 – 89

L’abisso è per eccellenza l’archetipo connesso alle profondità della terra, a un mondo ctonio o comunque lontano. È il vuoto, il nulla, il caos spalancato e pronto ad accogliere tutto, l’inconscio in cui lasciarsi affondare.

Significato divinatorio. I presagi concernenti l’immagine onirica dell’abisso appaiono alquanto diversificati: si dispiegano dal fallimento, l’infedeltà del coniuge e la defezione degli amici fino all’eventualità di incontri felici, che seguiranno il presente abbandono.

In particolare: uscire da un abisso sembra essere pronostico sfavorevole a qualsiasi mutamento di situazione. Cadervi fa temere perdite d’affari, insulti, pericoli, lutti, minacce d’incendio e per i malati, la morte.

Significato psicologico. La scuola freudiana ravvisa nel tema dell’abisso, e in particolare nel cadervi, un simbolo del peccato sessuale.

ABORTO

15 – 62

Significato divinatorio. L’aborto è sentito come liberazione, fine di una pena, nascita. Indica doveri che non peseranno affatto al sognatore.

ACACIA

47

Significato divinatorio. Questo simbolismo suggerisce all’interpretazione divinatoria un presagio di forza interiore.

Il sognatore non si lascerà abbattere dalle avversità: presto riceverà buone notizie.

ACCAREZZARE

2 – 21 – 78

Significato divinatorio. Accarezzare morti assicura un’imminente fortuna, in particolare se si tratta di uomini, forieri in sogno di soddisfazioni, di piaceri.

Le carezze riservate ai fanciulli lasciano temere malattia. Le donne prevedono invece, dispiaceri.

ACCATTONE

2 – 17 – 87

Significato divinatorio. I sogni di povertà sono generalmente, al contrario, forieri di prosperità, benessere, amore, divertimenti, amicizie e di una famiglia felice – o quanto meno assicurano il sognatore che non deve avere alcun motivo di preoccupazione.

La superstizione popolare aggiunge un consiglio: se al risveglio la mano prude, strofinatela sul legno del letto. Vi porterà fortuna.

ACCENDERE

22 – 32 – 54 – 90

Significato divinatorio. Accendere una candela significa: gioia, contentezza; per una ragazza, amore in vista coronato dal matrimonio.

Accendere un fuoco in sogno consiglia invece di diffidare: il sognatore è ingannato.

ACCESSO

10 – 89 – 90

Significato divinatorio. Un accesso di tosse denota pettegolezzi domestici, rivelazione di segreti personali; di follia, favori meritati; di febbre, indica che le figlie o la moglie del sognatore, totalmente allergiche al risparmio, dilapideranno tutti i suoi averi.

Questa immagine onirica si traduce anche in progetti falliti.

ACCIAIO

4 – 34 – 60

Duro, resistente, inflessibile, questo metallo assume nel sogno il ruolo simbolico della perseveranza e della sicurezza.

Significato divinatorio. Sognare di toccare acciaio promette sicurezza nella vita; fonderlo, rivela una perseveranza che conduce alla meta; romperlo promette vittoria su avversari potenti e terribili; venderlo è fausto presagio di eredità, tentare di piegarlo senza riuscirvi diffida invece il sognatore dal cimentarsi in qualsiasi prova o impresa: grossi e numerosi ostacoli si ergono davanti a lui.

ACCIUGA (vedi anche Pesce)

41 – 42

Significato divinatorio. Come tutti i pesci, l’acciuga lascia sperare una discreta sorte. Presagisce infatti fortuna e ricchezza. Vederla, in sogno, è promessa di protezione professionale; mangiarne fa invece temere liti domestiche e ingannevoli flirt. Secondo la tradizione gitana, questa immagine onirica rivela disturbi a carattere infiammatorio della cavità orale.

ACCOPPIAMENTO

5 – 9 – 66 – 78

L’atto universale comune a tutte le specie, che nell’unione delle due polarità maschile e femminile riproduce la creazione, ha conosciuto nell’antichità una forma di sacralità ormai perduta. L’accoppiamento era al contempo sinonimo e garanzia di fecondità, e da questo binomio traeva il suo carattere rituale. L’“Hieros gamos”, l’accoppiamento sacro compiuto nella terra arata da Giasone e Demetra, era soltanto una versione greco-classica degli antichissimi riti sessuali miranti a potenziare le forze germinative della natura, riti che si sono protratti in Europa fino a qualche secolo or sono, come retaggio di un paganesimo ancora attivo in ambiente rurale.

Significato divinatorio. La morale cristiana, respingendo l’innocente e vivace gioia sessuale degli antichi, ha finito quasi per annullare la voce sesso dalle chiavi dei sogni moderne. Il sesso è rivalutato soltanto dai contemporanei, dopo la liberatoria e chiarificante “tempesta” freudiana. L’archetipo fecondità, legato al rapporto sessuale, trionfa nell’interpretazione dei moderni che identificano l’immagine onirica dell’accoppiamento con un pronostico di nascita, di accrescimento della famiglia. La sessualità fra gli animali, ritenuta più naturale, è invece promessa di gioia e di festa.

Significato psicologico. Il partner può rappresentare, nel sogno, un’idea, un ricordo di cui il sognatore desidera prendere possesso. L’interruzione del rapporto rivela, a livello psicoanalitico, inibizioni, fissazioni legate alla fase genitale della sessualità. Quando questo viene effettuato senza spogliarsi, denota, sempre in ambito onirico, un grosso senso di colpa riguardante la sfera erotica.

Interpretazione medica. Il sogno del coito è causato generalmente da una forte angoscia nei confronti del sesso, oppure da una forzata e mal sopportata continenza.

ACCUSA

14 – 27

Significato divinatorio. L’accusa onirica si traduce, sul piano della realtà, in tormenti e inquietudine.

In particolare, essere accusato da un uomo è augurio di successo, di riuscita; da una donna, annuncia cattive notizie.

Vedere un accusato presagisce tradimenti e sciagure domestiche, ma se questi viene assolto il pericolo è scongiurato.

ACETO

8 – 17 – 19 – 24

Significato divinatorio. L’origine stessa dell’aceto (vino inacidito), l’odore aspro, il sapore sgradevole (o per lo meno accettabile solo in piccole dosi) gli hanno regalato nella simbologia una connotazione totalmente negativa, rendendolo pronostico di inganni, discordia, malattia, povertà e perfino prigionia.

Bere dell’aceto è così avviso di disagi e contrasti in famiglia; versarlo rivela che la presenza del sognatore è male accetta; prepararlo denuncia intenzioni poco chiare.

L’aceto rosso si identifica con un pronostico di affronti personali, di maltrattamenti; quello bianco, di insoddisfazioni, di rovina.

ACQUA (vedi anche Fiume, Mare, Oceano, Pozzanghera, Pozzo, Ruscello)

7 – 18 – 39 – 49 – 58

Da sempre il simbolo acqua conduce ad associazioni di pensiero con “Luna”; “madre”, “purificazione”, “rigenerazione”. La nostalgia delle acque prenatali in cui galleggiavamo, del grembo accogliente, non ci abbandona mai. Ogni forma vitale ha avuto origine nell’acqua, la più materna delle forme, il più femminile degli elementi, lo Yin, il Ricettivo. Acqua equivale quindi a gestazione, a nascita (o rinascita) – vale a dire iniziazione, battesimo.

Estremamente significativi sono a questo proposito tutti quei motivi mitologici, fra i quali il più noto è quello di Mosè, di neonati abbandonati alla corrente e cioè nati due volte, destinati alla sorte particolare di capo o di grande personaggio.

Nel suo eterno ciclo liquido-vapore-precipitazione, l’acqua si propone come continuo tramite tra terra e fuoco (Sole), tra vita e morte. Ma si tratta di un’eternità dinamica, composta di fasi successive come dinamico è il tempo del mondo, che sotto forma di diluvio distruttivo sommerge periodicamente, e come madre generosa ricrea ogni volta. Profonda ma trasparente, l’acqua si assimila alla sapienza; corrente, dilagante, alla purificazione; fluida, inafferrabile, all’inconscio.

Significato divinatorio. I moderni riprendono fedelmente le antiche tradizioni che, strettamente legate al mito e al simbolo, offrono la chiave interpretativa più valida, nella doppia identità tra acqua e vita (creazione), e tra acqua e morte (distruzione).

L’acqua fresca, per i moderni, denota fortuna, ritorno alla salute; bollente, ira, malattia, passione violenta; tiepida, disturbi passeggeri. L’acqua torbida prospetta affari ostacolati, incertezza, difficoltà di ogni genere; stagnante, malattia, morte, una situazione di stallo; corrente, buona fortuna, salute invidiabile, problemi superati. L’acqua salata equivale, per analogia, alle lacrime; la minerale consiglia al sognatore di prestare attenzione al denaro.

Guardare l’acqua rassicura circa un pericolo scampato; bagnarvisi è indice di innocenza; versarla di litigio. Anche bere acqua fredda presagisce litigi; calda, invece malattia; affondarvi prevede imposizioni cadute dall’alto. Se l’acqua nel sogno è sparsa per la casa, lascia intendere disturbi di vario genere per il sognatore, dolore, afflizioni. Procurarsi un’ustione rilevante con acqua bollente presagisce danno; portarla in un recipiente bucato o senza fondo, fa temere perdite, inganni, furti domestici: se non se ne è sparsa, si conserveranno a fatica i propri beni; se succede il contrario si perderà tutto. Camminarvi sopra è segno di superamento di ostacoli, di trionfo; vederla prosciugarsi, del miglioramento della situazione; vederla uscire, di dolore, pianto; udirla scrosciare, di giudizi duri, impietosi su chi sogna. L’acqua profumata indica astuzia, tradimento; l’acqua di melissa induce a temere la malattia di una persona cara. Tuffarsi in acqua chiara è auspicio di buona salute. L’acqua di fonte limpida promette similmente, una salute di ferro, ma torbida, opaca è foriera di indisposizioni e malattie. L’acqua di ruscello limpida denota nuovo impegno; torbida, perdita; scarsa, rovina. L’acqua di cascata, abbondante, è presagio favorevolissimo di situazione feconda e felice. Camminare nell’acqua di un torrente prevede avversità, dolore. L’acqua di fiume tranquillo è presagio di onori e prosperità per gli uomini di legge, di cause vinte per chi ha delle questioni legali in sospeso, di mete raggiunte per chi si trovi in viaggio.

Bere acqua fredda indica salute eccellente; calda malattia; puzzolente, grandi mali, perdita della felicità.

Vedere l’acqua per il bagno (in tinozza, in una vasca) significa felice, serena vecchiaia; prepararla, lotta coronata da vittoria. Vedere acqua che zampilla in un luogo anomalo è invece avviso di malinconia. Raccogliendola, questo stato si protrarrà più a lungo. Galleggiare sull’acqua prevede dolore causato dalla malattia della persona amata. Andare alla deriva è invece sintomo di insoddisfazioni e problemi dovuti unicamente al cattivo carattere del sognatore.

Significato psicologico. Ripercorrendo la traccia acqua-gravidanza-rigenerazione, purificazione-oblio, la psicologia attribuisce ai sogni d’acqua il desiderio inconscio di un regresso al grembo materno, di una purificazione morale. Annegarvi equivale perciò a recuperare quello stato di indifferenziata beatitudine che precede la nascita, libero dalla responsabilità e dalla lotta quotidiana perché privo di un’individualità cosciente. Attingere all’archetipo acqua rappresenta una ricerca di ciò che è puro, pulito, “tanto”. L’acqua è l’abbondanza senza limite, ma se è eccessiva si trasforma in pericolo; ci troviamo allora in balia del diluvio, dell’ondata distruttiva e violenta, o della malsana fanghiglia palustre che inghiotte chi vi si avventuri. La paura di cadervi, di annegare, si traduce in un complesso di inferiorità, oppure nel timore di accedere ai recessi dell’inconscio di cui l’acqua è immagine concreta. Specchiarsi nell’acqua denuncia tendenze narcisistiche accentuate: il sognatore si ama, oppure è fortemente attratto, infatuato di qualcuno con cui si identifica.

Interpretazione medica. Il nostro corpo è composto quasi per la sua totalità di acqua. Il delicato equilibrio dei sistemi di drenaggio ed eliminazione può denunciare le sue carenze per mezzo del sogno prima ancora della comparsa di qualsiasi sintomatologia rivelatrice. I sogni d’acqua sono ritenuti tipici indicatori di edema o possono essere determinati da affezioni renali o cardiache, da malattie del ricambio (ricorrenti nella tematica “nuotare con difficoltà”), da cirrosi alcolica, e da tutti i morbi “lunari” (tipici del segno astrologico del Cancro) che interessano precipuamente il sistema ghiandolare di drenaggio, assimilazione ed espulsione dei liquidi.

ACROBATA (vedi anche Pagliaccio)

11 – 38

L’acrobata simboleggia l’elevazione e l’inversione di valori, in un significato che lo assimila al XII arcano dei tarocchi, l’Impiccato. Indica l’attesa, la purificazione, un rovesciamento di prospettiva – come asserisce un detto: “Se vuoi veder ben diritto, mettiti a gambe all’aria.”

Significato divinatorio. La tradizione popolare attribuisce appunto all’acrobata un valore di inversione, di situazione che tende a capovolgersi: le avversità divengono gioie; la contentezza, viceversa, si trasforma in ostacoli.

Significato psicologico. Sognarsi acrobata denota, come si può intuire, una tendenza esibizionistica rilevante. Il sognatore ama mettersi in mostra per superare, con l’aiuto dell’altrui approvazione, il suo profondo senso di inferiorità.

ADDIO (vedi anche Commiato, Salutare)

1 – 6 – 79

Significato divinatorio. Si attribuisce a questo sogno lo spiacevole presentimento di un decesso, oppure di un matrimonio sfasciato o mancato.

Qualcuno vede, invece, nell’addio un segno di tranquillità, se dato; di grande liberazione, se ricevuto.

ADDIZIONARE (vedi anche Calcolo)

2 – 15 – 21 – 44 – 66

Significato divinatorio. Evidente, persino banale. Significa infatti, com’è prevedibile, longevità.

ADIRARSI

6 – 12 – 54 – 82

Significato divinatorio. Poiché l’ira, la rabbia, racchiude in sé una forte carica di negatività, questo sogno non presagisce certo eventi felici; lascia piuttosto temere una perdita finanziaria o la morte di un animale domestico cui si è affezionati. In particolare, adirarsi con i genitori è indizio di malattia; con un nemico, di dispiaceri leggeri; con un estinto, di disgrazie; vedere altre persone adirate denota la frequenza di compagnie che influenzano negativamente il sognatore.

ADOLESCENTE (vedi anche Ragazzo)

11 – 13 – 23 – 34 – 56

Significato divinatorio. In genere l’immagine di un adolescente sconosciuto presagisce noie, ma se appare molto grazioso può promettere anche agi, longevità, vigore fisico. Se il colore della sua capigliatura costituisce nel sogno un particolare rilevante, significa salute; se è bruno, indica inganni da parte della moglie di chi sogna.

ADORNARSI

20

Significato divinatorio. Adornarsi con gioielli è indice di una prosperità crescente, conseguente a un miglioramento di posizione; con vesti ricche, promette ambizioni appagate; con velluto nero, vuol significare che il pieno benessere giungerà tardi nella vita del sognatore.

ADOZIONE

6 – 40 – 51

Significato divinatorio. Sognare di essere adottati assicura un provvido futuro, mentre adottare un bambino lascia sperare l’accumulo di ricchezze in età matura o un’eredità, se si tratta di un parente; imprese coronate dal successo, se invece è un estraneo. Alcune chiavi dei sogni riportano anche un’interpretazione pessimistica di questo messaggio onirico, che dovrebbe presagire, se l’adozione è forzatamente accettata, sfortuna, disgrazia, gravissimo male in arrivo.

ADULTERIO

36 – 39 – 77 – 90

Significato divinatorio. Doppia interpretazione: considerato in chiave moralistica è nefasto, foriero di incendi, perdite, calamità; in chiave positiva, puramente edonistica, è sinonimo di gioia, contentezza, appagamento.

Commetterlo, è in quest’ultimo caso certezza di benefici; renderlo pubblico assicura vincita di processi; commesso dal partner, promette al sognatore tanta felicità.

ADUNANZA

4 – 11 – 23

Significato divinatorio. Un’adunanza di soldati denota coraggio, imprese fortunate; di preti, minacce nascoste; di suore, lacrime; di gente in genere, notizie impreviste.

AEROPLANO

11 – 19 – 51 – 80

È un archetipo di recente formazione, cioè un simbolo universale che ha assimilato il significato del volo e dell’uccello ma che è entrato da poco a far parte dell’inconscio collettivo.

Significato divinatorio. L’immagine onirica dell’aeroplano promette generalmente successi e realizzazione; secondo qualche interpretazione, però, arrecherebbe buone notizie alle donne, mentre sarebbe foriero di catastrofi per gli uomini. In particolare, vederlo volare alto è auspicio di affetti sinceri e segnale di progetti ambiziosi ma legittimi.

Significato psicologico. La scuola freudiana attribuisce a questo mezzo di trasporto il significato simbolico dell’organo maschile e all’atto di volare il desiderio dell’amplesso. La forma e l’interno cavo rendono però l’aereo emblema dell’androgino, la sintesi di maschio e femmina. Non riuscire a decollare denota di conseguenza impotenza o frigidità. Procedere facilmente è indizio felice di problematiche interiori risolte.

La scuola junghiana, “spiritualizzando” l’intero simbolismo dei sogni, interpreta l’aereo come emblema dello spirito, dell’illusione e come spia della presenza di progetti ambiziosi, magari dissimulati del sognatore. Sognare di non riuscire a decollare è perciò avviso di inadeguatezza del sognatore ai suoi compiti e alla responsabilità che si è assunta. Se l’aereo precipita, questo denota che il nostro ottimismo stava già invadendo il terreno dell’irresponsabilità. Qualora il pilota sia il sognatore stesso, il sogno indica che egli saprà assumersi correttamente le proprie responsabilità; se si getta con il paracadute rivela una buona capacità istintiva di trarsi fuori dai guai. Avvalersi dell’aereo può anche portare alla luce un atteggiamento frettoloso, superficiale nei confronti dei grandi problemi della vita.

AFFARI (vedi anche Denaro)

20 – 32

Significato divinatorio. Affari vantaggiosi costituiscono, secondo il simbolismo rovesciato del sogno, un pesante presagio di sfortuna e preoccupazioni. Cattivi affari pronosticano invece profitti, eredità. Porre fine a un affare equivale, nel linguaggio onirico, a contrarre matrimonio.

AFRICA

71

Significato divinatorio. Terra del sole ardente, degli animali selvaggi, delle giungle e dei deserti, l’Africa suggerisce secondo alcune chiavi l’idea della malattia. Solo l’interpretazione gitana, più ottimistica, trae da questo viaggio onirico l’auspicio di una futura, grande felicità.

AGATA

11 – 63

Pietra mercuriana, che presso gli antichi conobbe grande considerazione come protettrice e apportatrice di fortuna, cadde invece nel dimenticatoio nei secoli seguenti e cominciò ad attrarre su di sé una dubbia reputazione.

Significato divinatorio. La connotazione antica si è però rovesciata nel tempo, facendo assumere alla pietra un valore onirico completamente negativo: l’agata presagisce tristezza, ostacoli, indisposizioni.

AGGRESSIONE

71 – 90 – 7

Significato divinatorio. Questa immagine vuol mettere in guardia il sognatore affinché cessi di trascurare i propri affari.

Significato psicologico. Il movente psichico di questo genere di sogni sembra sempre risalire, anche qualora il sognatore vi giochi il ruolo della vittima, a una forte aggressività latente, a una sessualità prorompente che cerca una via di uscita.

AGGUATO

23 – 55

Significato divinatorio. Sogno al contrario: cadervi è indizio di affari prosperi, sicurezza, riposo; tenderlo consiglia il sognatore a fare molta attenzione.

AGLIO

3 – 5 – 12 – 41

Significato divinatorio. L’aglio, la piccante liliacea sacra a Marte, dotata di meravigliose virtù terapeutiche e apotropaiche (si dice tenga lontani i vampiri), assume anche nei sogni un significato simile: mangiarne molto equivale a una pronta guarigione mentre mangiarne poco, curiosamente, fa temere la morte di chi sogna, se si tratta di un malato. Visto in sogno, l’aglio, connettendosi al simbolismo marziano di ira e sessualità, è indizio di litigi, avventure, rapporti erotici. Coglierlo o acquistarlo promette buoni affari. Puzzare fortemente di aglio presentisce segreti svelati.

AGNELLO

1 – 11

L’animale sacrificale per eccellenza, tuttora vivo nella tradizione pasquale, racchiude il significato allegorico di purezza, innocenza, mansuetudine. L’agnello, il candido ingenuo, preda del lupo nelle favole di Fedro e La Fontaine, è la pecorella smarrita dei Vangeli, riportata al gregge dal Buon Pastore: un essere tenero, sprovveduto e sempre bisognoso di protezione.

Significato divinatorio. Conformemente a quanto il simbolismo lascia prevedere, scorgere un agnello in sogno promette gioia, consolazione. Vederlo saltare, in particolare, è indice di soddisfazioni ricevute dai figli; vederlo scannare, di sfortuna e dissesti finanziari. L’agnello agitato prevede ricchezza incostante, qualche problema familiare; addormentato, equivale a uno spavento subìto, a un dolore passeggero.

Un agnello al pascolo è promessa di felicità domestica, specialmente se si muove in direzione del sognatore; ma se chi lo sogna ne è il pastore, il sogno denota tristezza. Portare un agnello fra le braccia costituisce un buon augurio di futura prosperità e contentezza; carezzarlo assicura la fedeltà dell’amante; trovarlo prospetta processi vinti, matrimonio d’amore con la persona “giusta”; seguirlo, vecchiaia serena; possederne uno, profitti, considerazione; ucciderlo segnala viltà, tormento, dissesti finanziari; mangiarlo, pianto, sfortuna; vedere molti agnelli insieme lascia intendere un aumento di ricchezza.

AGO (vedi anche Cucire)

1 – 16 – 20 – 62

Significato divinatorio. L’immagine onirica dell’ago pronostica alla donna lunghi viaggi e all’uomo disgrazia, seccature di lunga durata. In particolare, un ago per cucire significa tormento, cattiveria; un ferro da calza, maldicenza. L’ago calamitato della bussola avverte circa un grande pericolo incombente.

Significato psicologico. Secondo la teoria freudiana fondata sulla sessualità, l’ago appuntito rappresenta l’organo genitale maschile, la stoffa, la vagina, mentre l’atto di cucire, di conseguenza, il rapporto sessuale.

AGONIA

49 – 85

Significato divinatorio. Vedere se stessi in agonia è, secondo alcune chiavi, cattivo segno di malattia, di dolore, di perdita di eredità; secondo altre, è benefico presagio di longevità. Vedere un nemico agonizzante lascia sperare successione. Vedere uno sconosciuto indica benefici inattesi.

AIA

32 – 33 – 64

Significato divinatorio. Un’aia piena di grano promette commerci vantaggiosi, eredità, matrimonio; vuota, miseria, vergogna; in fiamme, buona fortuna; danzare sull’aia è presagio di confortanti notizie.

AIUTO

9 – 16 – 26 – 86

Significato divinatorio. L’aiuto promette in generale un viaggio – ma in particolare, se prestato, è sinonimo di ostacoli, sfortuna, affari svantaggiosi; ricevuto, significa successi, riuscita, viaggi proficui.

ALBERGO

8 – 36 – 65

L’immagine dell’albergo o meglio, ridotta in termini medioevali, della locanda, costituisce uno dei temi chiave della fiaba volto a mascherarne l’arcaico significato rituale: la capanna nel bosco, il luogo iniziatico di passaggio che è anche, in molti casi, casa della morte.

Significato divinatorio. È proprio grazie a questa angoscia iniziatica, dell’inquietante passaggio verso l’ignoto, che l’immagine onirica dell’albergo si lega a un significato di inquietudine sorto dalla sua stessa funzione, accompagnato dall’evidente senso di precarietà, di pericolo circoscritto. Trovarsi in albergo può presagire anche malattia e, per un uomo innamorato, infedeltà della partner; mentre, per chi tratti degli affari, mette in guardia contro i subalterni disonesti, possibile causa di perdite. In particolare, all’albergo pieno si attribuisce un pronostico più felice, riposo, piacere, rispetto all’albergo vuoto, presagio di infelicità e sfortuna (sebbene qualche autore vi veda invece un indizio di affari conclusi vantaggiosamente). L’albergatore, figura onirica favorevole, assicura buona sorte al sognatore.

Significato psicologico. La scuola freudiana tende ad assimilare la tavola al letto, attribuendo all’albergo un significato di rapporto sessuale e di donna concessa a tutti: la prostituta. Quanto alla figura dell’albergatore, appare significativa la sua associazione alla madre rude, ma tenera (forse ancora la vecchia iniziatrice della foresta), che offre sì alimentazione e riparo ma presiede soprattutto alla crescita dell’individuo (l’iniziazione).

ALBERO (vedi anche Pianta)

10 – 11 – 17 – 40

Non vi è tribù, cultura, popolo al mondo che non abbia associato l’albero all’archetipo dell’abbondanza e della felicità. Tramite tra terra e cielo, asse del mondo stesso, l’albero funge da catalizzatore di forze terrene e celesti. Il rimedio sovrano contro debolezza, astenia, fragilità, diffuso nelle campagne fino a qualche decennio or sono, consisteva nell’appoggiare il corpo malato a un tronco. Simbolo di rigenerazione, l’albero addobbato per il solstizio segna la nuova fase ascendente del Sole che coincide col progressivo allungarsi del giorno. E infatti nei miti dell’antico Egitto Horus (il Sole) muore e poi risorge racchiuso in un pesante cofano e quindi in una colonna lignea, cominciando così a manifestare le prime avvisaglie di una nuova vita mediante l’esistenza vegetale in un sicomoro. L’albero è emblema della vita vegetativa e della fecondità, ma anche dell’ascesi (il verticale), della conoscenza del Bene e del Male – così ce lo descrive la Bibbia, come l’ignaro offerente del frutto proibito; così lo rappresentano i cabalisti, con le radici al cielo e le chiome a terra nello schema che congiunge l’una all’altra le dieci emanazioni divine attraverso cui ha avuto luogo la creazione.

Significato divinatorio. Nelle moderne chiavi dei sogni l’albero fiorito costituisce sempre un ottimo auspicio (di vigore, ricchezza, amore nascente, fertilità, gioia e guadagni) particolarmente per il sognatore che abbia già raggiunto l’età matura. Ma se la fioritura avviene in una stagione che non le compete, l’autunno, ad esempio, il presagio si rovescia completamente. L’albero verde, fronzuto, evocatore di braccia protettive, assicura protezione, contentezza, superamento di ogni problema, buone prospettive di guadagno; secco, annuncia, come prevedibile, danni, insuccessi, perdite inattese; verde ma privo di fiori, un viaggio d’affari; ricco di frutti, felicità domestica, amicizia, ricchezza. Anche un albero interamente circondato dalle acque, dal chiaro simbolismo di fecondità, promette gli stessi vantaggi. Un albero capovolto indica, secondo alcuni autori, noie, contrattempi; abbattuto, lascia al sognatore ben poche speranze: lo attendono danni, speranze vane, pericoli, se non addirittura la morte; lo stesso vale per l’albero spezzato in due; l’albero in fiamme significa perdita; completamente bruciato e distrutto dal fulmine, dispiaceri, paure, disperazione, sfortuna; non ancora cresciuto, denota malattia. Lo stesso presagio è riservato alla trasformazione, naturalmente solo leggendaria o sognata, dell’uomo in albero. Salire sull’albero, in un simbolico retaggio della festa primaverile incentrata sulla scalata del celebre “albero di Maggio”, promette onore, successo non disgiunto dal rischio, fortuna, buone notizie; cadervi denota disoccupazione, cattive notizie, derisioni, tristezza; restarvi sospeso senza più poter scendere né risalire, presentisce perdita di protezione; sedervi a cavalcioni, potenza, onore; sedere alla sua ombra, buone notizie in arrivo. Raccogliere frutti da un vecchio albero regala una speranza di eredità; tagliarlo presagisce la perdita di un amico; abbatterlo indica una prepotenza dannosa, infelicità, crudele malattia, perdita; scuoterlo prospetta felicità. Anche l’albero di Natale è un presagio di gioia domestica e rinnovamento spirituale. Alberi d’arancio indicano disaccordi, dolori; di rovo, abbandono dei figli; di quercia, profitti, ricchezza, lunga vita; di olivo, dolcezza, pace, libertà; di lauro, vittoria, eredità da parte della moglie; di cipresso, dolori, afflizioni, ritardo degli affari; di pino, pigrizia; di melo, gioia, piacere particolarmente per le donne; di mandorlo, noce e nocciolo, problemi, difficoltà; di fico, gioia, piacere. Vedere l’albero genealogico della propria famiglia prevede grande ricchezza. Della famiglia altrui, depressione.

Significato psicologico. L’albero costituisce un simbolo sessuale molto fecondo, pregnante: è il maschio, il tronco, il fallo e contemporaneamente è la femmina, il frutto, il grembo; è, insieme, l’androgino, l’energia, la protezione, la famiglia. L’albero ben piantato a terra corrisponde a un bisogno di radicamento, di sicurezza, che esige in contraccambio il sacrificio della libertà. Abbattuto, indica impotenza, incapacità di resistenza, mancanza di solidità. Il ramo può indicare un contenuto inconscio, una parte della personalità che, debitamente accudita, annaffiata, cerca di crescere, di espandersi. La scuola freudiana ravvisa nell’atto di strappare un ramo un desiderio incestuoso, quella junghiana un’indecisione da estirpare.

Interpretazione medica. Sognare di annaffiare un albero può trovare causa nello stimolo a urinare non sufficientemente intenso da destare il dormiente.

ALBICOCCA

3 – 16 – 27 – 53

Significato divinatorio. Vedere delle albicocche accanto a sé è auspicio di piaceri, di vita piena scevra da problemi. Le albicocche possono anche indicare tempo buono. Viste crescere in un giardino nella giusta stagione significano felicità, successo; fuori stagione, evidenziano il cattivo esito di un’impresa. Albicocche secche o cadute sono avviso di noie serie, dolori. L’albero promette piaceri e felicità, ma carico di frutti consiglia prudenza; se invece ne è privo, assicura prosperità.

ALFABETO

27

L’occultismo considera la prima e l’ultima lettera dell’alfabeto greco, l’alfa e l’omega, come il principio e la fine della creazione. L’alfabeto svela cosi il suo intimo significato: una gamma di suoni, di vibrazioni, dotate di un altissimo potere creativo.

Significato divinatorio. Recitare l’alfabeto in sogno denota un esigenza di maggior chiarezza, ordine, metodo e volontà, poiché le imprese cui il sognatore pone mano, le sue piccole personali creazioni, assumano forma stabile nella realtà.

ALI

66 – 75

All’ala viene universalmente associata l’immagine dell’uccello e dell’angelo; libertà ed elevazione, quindi, e in ogni caso distacco dall’elemento terra alla conquista del cielo. L’iconografia medioevale trabocca di esemplari di una zoologia fantastica, curiosi collages di specie diverse: il drago, il serpente, il cavallo alato – creature ancora legate alla sfera animale ma partecipi al contempo dell’intelligenza e della spiritualità umana, di cui l’elemento ala è appunto il marchio.

Significato divinatorio. Inspiegabile appare, alla luce del mito, l’interpretazione moderna del sogno che, a parere delle più autorevoli chiavi, indicherebbe inganni femminili, possibilità di disgrazia, necessità di un periodo di riposo.

Significato psicologico. L’ala è evidente simbolo di aspirazione ad elevarsi; in senso freudiano denuncia però desiderio di amplesso.

ALIMENTI (vedi anche Cibo, Mangiare)

7 – 89 – 90

Il cibo possiede in tutte le culture sia un ben preciso significato corporeo sia un significato sottile, spirituale, evidenziato dalla pratica del sacrificio e dall’offerta rituale alla divinità. Cibo significa in termini immateriali energia, forza, amore, attenzione, conservazione dell’essere, salute, vita.

Significato divinatorio. Da quanto sopra appare evidente che sognare di offrire del cibo non può che costituire un fausto presagio.

Non riuscire a inghiottire è invece avvertimento di lieve malattia futura.

ALLEGRIA (vedi anche Felicità)

48 – 49 – 72 – 73

Significato divinatorio. Considerando che – come postulano le Tavole di Smeraldo, fondamento della dottrina occulta – tutto l’universo tende lentamente verso il suo contrario, non è difficile rovesciare il contenuto di questo sogno attribuendogli il valore di presagio di quelle difficoltà che fanno naturalmente seguito alla gioia.

Alcune chiavi, invece, gli conferiscono un significato ottimistico, concernente in particolare la sfera finanziaria e affettiva.

ALLORO

25 – 79 – 90

L’alloro è una bella, aromatica pianta dotata di virtù terapeutiche e connessa miticamente alla medicina, alla gloria, alla solarità. La leggenda riassume questi modi di essere nella composta, pura, figura di Apollo, legato da un lato alla luce, all’arte e alla fama, dall’altro alle arti della salute e della divinazione. Prima di essere pianta, narra il mito, l’alloro era stato una ninfa, tramutata dal padre in vegetale perché, innamorata di un altro, potesse sfuggire ai desideri del dio.

Significato divinatorio. Vederlo (o adornarsi di alloro) presagisce giochi, amicizia, abbondanza, successi. Se il sognatore è uomo è pronostico di matrimonio; per una donna, di generazione.

ALMANACCO (vedi anche Calendario)

60

Significato divinatorio. È in genere un segnale di ansia per la particolare data apparsa in sogno, specialmente se gli altri giorni appaiono confusi e illeggibili.

ALTALENA

30 – 56 – 65

Significato divinatorio. Questo semplice strumento ludico, simbolo dell’alternanza ciclica del creato, lascia sperare in un matrimonio felice. Ferma, indica una gioia breve; se dondola, famiglia numerosa; con la corda rotta, nascita di un figlio entro l’anno.

Significato psicologico. La psicoanalisi tende a collegare l’altalena all’autoerotismo e individua in coloro che presentano un netto rifiuto del dondolio (treno, nave, altalena) inibizioni risalenti al periodo infantile.

ALTARE

30 – 56

È il luogo circoscritto dove sacro e profano realizzano la loro sintesi; come tutti i simboli intrisi di religiosità, presenta, in varie chiavi, valenze positive.

Significato divinatorio. Vedere un altare promette consolazione, gioia, unione felice. Inginocchiarvisi equivale alla realizzazione di segrete aspirazioni; vedervi qualcun altro inginocchiato consiglia di prestare generosamente aiuti; costruirlo rivela allegria, piaceri e possibilità, per un parente, di entrare in seminario. L’altare rovesciato denota noie, malinconia.

ALZARSI

29 – 55 – 80

Significato divinatorio. Alzarsi presto costituisce in genere un ottimo presagio di affari prosperi. Il levarsi del Sole presagisce attività; quello della Luna una donna graziosa, amore onesto o dispetto.

AMANTE (vedi Partner)

AMARO

18 – 41 – 66

Il concetto di amaro, in Occidente, riporta quasi automaticamente a una concezione o evento aborrito, sgradevole. Amaro è tutto ciò che non è stato desiderato e che ci troviamo costretti a subire, così come Cristo accettò il fiele. Bisogna spostarsi di molto e raggiungere l’Estremo Oriente per rinvenire nell’amaro non già il cattivo, il nauseabondo aspetto della realtà, ma semplicemente uno dei cinque sapori fondamentali, legato al cuore, e necessario quanto gli altri quattro al mantenimento di uno stato di equilibrio psicofisico.

Significato divinatorio. Bere liquidi amari in sogno corrisponde a salute eccellente e al miglioramento di una situazione precaria.

AMBULANZA

44 – 80

Significato divinatorio. L’ambulanza prospetta la perdita di un’eredità su cui si faceva già affidamento. In particolare, vuota prevede un vicino dolore; carica (di feriti) pericolo di morte violenta, ferite causate da parenti e amici.

AMERICA

39 – 88 – 89 – 90

Significato divinatorio. Vedere l’America in sogno profetizza un possibile viaggio coronato da un evento importante per l’esistenza del sognatore.

AMICO

17 – 19 – 27 – 28

Significato divinatorio. Nel tipico simbolismo dei sogni al contrario, l’immagine onirica dell’amico viene interpretata come discordia, querela. Vederlo e parlargli, se nella sfera del reale si tratta di un morto, presagisce notizie inattese, necessità di occuparsi con maggior serietà dei propri affari. Incontrare un amico vivente prospetta disaccordi in ambito familiare, fortuna in affari; offenderlo, una possibile malattia, affari lasciati in sospeso; ridere con lui equivale a un prossimo litigio. Sognare un amico lontano o malato lascia prevedere buone notizie al suo riguardo o il suo ritorno inatteso dopo lungo tempo. La morte onirica di amici, rovesciando il contenuto emotivo del sogno, denota contentezza.

AMMALATO (vedi anche Malattia)

26 – 47 – 62 – 66

Significato divinatorio. Sognarsi malato è cattivo segno di malinconia e di possibile prigionia. Curare un ammalato promette felicità ma, se si tratta di uno dei genitori del sognatore, il presagio si tramuta in tristezza. Bambini malati indicano noie domestiche.

AMMIRARE

22 – 32 – 35

Significato divinatorio. Ammirare qualcuno è in oniromanzia, sinonimo di inganno o di esagerate gratificazioni; ma se la persona ammirata appartiene allo stesso sesso del sognatore significa, secondo la chiave gitana dei sogni, lealtà in amicizia e fedeltà in amore.

AMO

23 – 24

Significato divinatorio. Significa delusione, inganni e, per chi ci spera, futura pioggia abbondante.

AMORE (vedi anche Partner)

2 – 32 – 36 – 50 – 56

Significato divinatorio. Vedere il puttino alato, figlio di Marte e Venere, pronto a scoccare la famigerata freccia della passione, fa presagire allegria, brevi focose relazioni: matrimonio per i celibi, scappatelle per chi è sposato, nuovo amore per i vedovi e, per tutti, ottimi affari. In sogno, l’amore come sentimento promette gioia a una ragazza; desiderio a una donna; miseria a una vecchia. Condiviso, fa temere tradimenti in campo commerciale e dispiaceri; respinto, nuovi affari e ottimo successo. Innamorarsi di una persona bruna non costituisce un pronostico favorevole perché indica febbre, follia, frattura; tantomeno lo è sognare di innamorarsi di una persona bionda, fatto foriero di truffe subite e incidenti; una persona né bruna né bionda promette però fortuna, a patto che la si sappia afferrare al volo.

Essere un amante sereno e appagato è indizio, poiché tutto nel cosmo si trasforma lentamente nel suo opposto, di futura inquietudine. L’immagine onirica di due amanti felici presentisce disfatta, ma vederli mentre si picchiano o bisticciano è certezza di lotte vantaggiose. Incontrare il proprio o la propria amante promette al sognatore piaceri frammisti a inquietudine.

ANANAS

12 – 30 – 35 – 49 – 61 – 67

Significato divinatorio. L’ananas equivale in sogno a un invito. Mangiarlo promette alle donne un ricco matrimonio, agli uomini ricchezza o, a detta di qualche autore, afflizioni.

ANATRA

6

Significato divinatorio. L’immagine onirica dell’anatra corrisponde, sul piano della previsione, a una persona seccante e all’eventualità di ricevere imbarazzanti lettere anonime. Se l’uccello nuota nell’acqua, fa temere inganni e maldicenze; se si immerge, fatiche, dipendenza. Allevare un’anatra è indizio di profitti; acchiapparla prospetta l’esito favorevole di un affare, benefici; snidarla presagisce la perdita di processi; venderla, malinconia; ucciderla, pericolo di morte improvvisa; spennarla, disaccordi, litigi; mangiarla, piaceri, gioie affettive; un’anatra seguita dai suoi piccoli è augurio di buona fortuna, ma un anatroccolo perduto lontano dal nido è avviso di pene causate da una malattia.

ANCHE

46 – 65

Significato divinatorio. Avere le anche più forti che nella realtà è presagio di gioia, salute, bei figli; rotte, denotano il contrario: malattia, dolore, perdita di figli; martoriate, colpite da bastonate presagiscono problemi familiari o addirittura morte.

ANCORA

13 – 16 – 85

Significato divinatorio. Il simbolo della salvezza e della speranza appare, nei sogni, come piacevole indizio di amici buoni e leali, di costanza in amore, di desideri realizzati. Regala certezza nelle proprie speranze, promette riuscita e insperate novità.

ANELLO (vedi anche Gioiello)

10 – 19

La forma circolare di questo monile, al di là della sua eventuale preziosità materiale, rinserra un altrettanto prezioso significato simbolico di continuità e di totalità. Il cerchio, raffigurato spesso dagli occultisti come il serpente che si morde la coda (Ouroborus), è la figura geometrica perfetta per eccellenza, perché non ha inizio e non ha fine e perché ogni punto della sua circonferenza è equidistante dal centro. Prima che l’imperversare della moda

ne estraniasse totalmente il simbolismo, l’anello è stato il sottile messaggio del legame e dell’alleanza eterna. Ma, volendolo considerare come il residuo delle catene che tenevano prigioniero Prometeo, da questo portato dopo la liberazione a ricordo della colpa commessa, l’anello si collega anche all’idea della sottomissione e della schiavitù. Non è un mistero, del resto, che gli schiavi portassero anticamente un anello al braccio o alla caviglia, come non è una novità il fatto che l’amore, per quanto dolce e disinteressato, sia anche, ma non solo, una sottile, impalpabile catena che limita i movimenti dell’altro.

Significato divinatorio. Eternità, completezza, amore, legame, nozze. Sono questi più o meno i significati che la tradizione oniromantica attribuisce a tale immagine onirica. Sognare un anello è promessa d’amore e di matrimonio. Il presagio subisce poi, naturalmente, sensibili variazioni a seconda della situazione in cui se ne viene in possesso, del materiale costitutivo e della foggia. Per esempio, gli antichi attribuivano un senso positivo all’anello ornato di pietre preziose, mentre consideravano quelli che ne erano sprovvisti come emblemi di invidia infruttuosa. A detta delle chiavi moderne, un anello d’oro è promessa di prole numerosa – ma, se privo di pietra, anche di imprese varie. D’argento, prevede la nascita di un figlio; di ferro, beni acquisiti a fatica; d’avorio, guarigione. L’anello rotto è indizio di dissidi e di false amicizie; a sigillo, di amici fedeli; cavo, di inganni; nuziale, di figli belli e affettuosi. Circa l’interpretazione divinatoria dell’offerta dell’anello, i pareri appaiono piuttosto discordi: si passa dal pronostico di perdita, danno, malattia, fino a quello di sentimenti saldi e ben riposti. Regalato a un amico, in particolare, l’anello significa tradimento; riceverlo costituisce invece una promessa d’amore e sicurezza economica, onori; perderlo indica offesa, perdita della moglie, di un amico o di beni; romperlo, rottura coniugale; comprarlo, nozze; trovarlo, disaccordi; portarlo al dito, imminente matrimonio.

Significato psicologico. La scuola freudiana tende a identificare l’anello con l’orifizio vaginale e a interpretarne di conseguenza l’intero svolgimento

onirico.

ANEMONE

78

Significato divinatorio. Dal mito che vuole l’anemone sorto dal sangue di Adone, l’amante di Venere ucciso da un cinghiale, non è difficile collegare questo sogno alla morte. Secondo la chiave gitana dei sogni, il fiore si collegherebbe a un evento spesso funesto da attendersi nel successivo autunno. Cogliere anemoni significa angoscia o denuncia addirittura una cardiopatia, probabilmente in analogia al dolore sofferto dalla dea per questa perdita.

ANESTESIA

31

Significato divinatorio. Sognare di essere anestetizzati dà adito a interpretazioni discordanti, a seconda del sesso del sognatore. Per un uomo è presagio di catastrofe imminente; per una donna, di felicità e benessere.

ANGELO (vedi anche Volare)

2 – 15 – 55 – 88

In greco antico aggelos (anghelos) significa messaggero. Rappresentato dall’iconografia cristiana come creatura asessuata, l’androgino, quintessenza della dolcezza e della spiritualità, l’angelo rivela in realtà una natura prossima al fuoco. E alla missione di messaggero (l’annunciazione) associa spesso quella di giustiziere dalla spada fiammeggiante e di governatore della sfera planetaria nei loro significati positivi e non. Gli alchimisti designano con questo termine la sublimazione, l’ascensione delle sostanze volatili. L’angelo è quindi, innanzitutto, l’emblema della liberazione, dell’accesso ad altri spazi, del trionfo del Bene sul Male, dello Spirito sulla Materia.

Significato divinatorio. L’immagine angelica è segno di consolazione, di onore o di guarigione per i malati; di trionfo, ricchezza e salvezza per chi combatte; di nascita di un figlio maschio per la donna gravida. Il sognatore riceverà aiuti provvidenziali, sarà liberato dai fastidi che lo tormentano. Quando però l’angelo appare nella casa di chi lo sogna, può rappresentare un invito a diffidare dei parenti. Lo stesso può darsi per la rappresentazione di un, angelo dipinto.

L’angelo in volo evidenzia uno stato di pace, di serenità, di spiritualità e promette una vecchiaia serena; parlargli indica esaudimento di desideri; vederlo dirigersi verso di sé buone notizie; diventare un angelo, significa onore. Vedere un angelo triste o adirato presagisce sfortuna per quanto concerne finanze e salute; se il messaggero suona le trombe, il sognatore raggiungerà la gloria.

Significato psicologico. Psicologicamente, l’angelo rappresenta uno stato di purezza, di indifferenza nei confronti del sesso ma anche di fuga dal piano materiale, dalla realtà. L’angelo caduto è simbolo di omosessualità.

ANGUILLA (vedi anche Pescare, Pesce)

42 – 51

Significato divinatorio. Catturare un’anguilla viva è indizio di tradimento, malizia; morta, di dolore, catastrofe. Pescarla significa buona salute, affari prosperi, mentre mancarla corrisponde a un rifiuto d’amore. Vederla nuotare prospetta buone notizie; mangiarla, fortuna o un piacere sottile che vi attende durante la giornata.

Significato psicologico. L’anguilla corrisponde a un contenuto psichico arcaico, per esempio un trauma, un ricordo, una convinzione che risale all’infanzia.

ANGURIA (vedi Cocomero)

ANICE

10

Significato divinatorio. L’anice è presagio di un dono preparato per il sognatore. Il fiore significa buone azioni. In caramella o confetto, invece, è un avvertimento a curare maggiormente gli affari commerciali.

ANIMA (vedi anche Inferno)

55 – 80

Significato divinatorio. Vedere un’anima salire al cielo è, secondo alcuni autori, felice indizio di buone notizie; a detta di altri, specialmente se si tratta di persone conosciute, presagisce invece amari rimpianti. Le anime dei dannati promettono guarigione sicura.

ANIMALI(vedi anche Bestiame)

22 – 23

Gli animali occupano un ruolo di primo piano nell’esistenza dell’essere umano – egli stesso discendente dalla scimmia. L’animale è l’amico, l’aiutante materiale o magico, il dispensatore di cibo e pelli e al contempo il nemico temibile contro cui battersi, la concentrazione dei nostri difetti, dei vizi, dell’istinto a cui ci sentiamo superiori ma che in fondo gli invidiamo: libero e selvaggio nella fiera, imbrigliato nell’animale domestico come la nostra sfera inconscia è imbrigliata dalla ragione. Nella storia religiosa di molte Culture l’animale è stato una divinità (il bue Api, il gatto Bes o Ammone, il toro Mitra) o perlomeno un simbolo della divinità (il cigno di Brahama, la nottola di Minerva, il corvo di Odino); ma è stato anche la forza perversa del male, il demone, l’essere ctonio e terribile – il drago, il serpente, il cane infernale. Questa strettissima correlazione sembra riallacciarsi a un’epoca totemica che considerava l’animale capostipite e distintivo di ogni clan, a esso legato da vincoli di rispetto e da rapporti privilegiati.

Le fiabe, rappresentazioni di contenuti inconsci o trasposizioni simboliche di epoche passate, ci hanno avvezzati fin da bambini alla formica, al lupo, alla volpe capaci di pensare e parlare e le tradizioni araba ed ebraica assicurano sia esistita realmente un’Età dell’Oro in cui gli animali erano davvero dotati della parola. Fiabe e mito non conoscono confini e il limite animale-uomo è in fondo un confine labile, come l’astrologia cinese, che identifica dodici tipi di uomo con dodici animali, sembra confermare. La personalità dei singoli animali è così variamente sfumata e diversamente connotata dagli uomini, a seconda dei tempi e delle culture, che si preferisce generalmente differenziare simbolicamente e oniricamente le varie specie. Fornire un pronostico basandosi sull’animale, in genere, risulta piuttosto complesso perché – si sa – c’è animale e animale, vizio e vizio, qualità e qualità, uomo e uomo…

Significato divinatorio. Anche la tradizione moderna privilegia nettamente l’animale domestico rispetto a quello selvatico. La sua immagine onirica preannuncia infatti ritorno di amici assenti e riconciliazione, mentre l’animale selvatico è indice di nemici segreti, di perdita, di crediti, di problemi professionali a non finire. Veder animali in genere costituisce, per il ricco, presagio di povertà; per il povero, di onori e profitti. Pronostica inoltre notizie da persone assenti.

Possederne, nutrirne e averne cura, specie se si tratta di ruminanti, indica abbondanza e buoni affari. Animali in gruppo, anche se appartenenti a specie diverse, costituiscono un segno di ricchezza. Lo stesso presagio è fornito da animali in marcia, mentre camminare con loro è avviso di malattia, e vederli correre di tradimento e dolore. Esserne minacciati è sinonimo di pericolo; esserne inseguiti promette offese e insulti; udirli gridare, noie; ucciderli, gioie familiari, salute; combatterli, sofferenza. Gli animali parlanti annunciano abbondanza, ma intrattenersi con loro può significare danno, tradimento, malattia. Vederli mutati in uomini è pronostico di turbamenti e problemi; vederli imbalsamati, di pericoli immaginari. In particolare, gli animali da soma indicano aiuti professionali; i ruminanti al pascolo, amici fedeli; quelli dotati di corna, felicità. Sognare belve denota ansietà mentale, ma se queste si sdraiano il sogno preannuncia protezioni e favori da parte di potenti; domarle, significa invece perdita.

Significato psicologico. L’animale siamo noi o meglio il nostro inconscio: le energie vitali istintuali che si agitano in noi e che qualche volta ci prendono la mano. Quanto più l’animale apparso in sogno è libero, selvaggio, tanto più l’inconscio preme con le sue paure, le angosce, complessi. Sfuggirgli equivale a sfuggire al proprio inconscio, addomesticarlo a tentare di controllarne le istanze più primitive, più arcaiche: l’istinto, la libido, i contenuti inconsci infantili e rimossi.

In particolare, gli animali preistorici simboleggiano qualcosa che affiora dall’infanzia; quelli sapienti e parlanti, un invito alla prudenza; quelli feroci, tendenze aggressive pericolose; quelli piccoli, bambini; animali in gruppo, una comunità. Un cucciolo rivela desiderio di affetto materno; gli animali domestici equivalgono a passioni tenute sotto controllo; quelli deformi denunciano la concezione che il sognatore ha dell’istinto come qualcosa di disgustoso.

ANNEGATO

2 – 57 – 89

Significato divinatorio. È presagio di buon augurio, di eredità da parenti lontani. La persona amata è buona e incline al matrimonio. Vedere un annegato lascia intendere gioie, trionfo; annegarsi promette guadagni, ma annegare per colpa altrui è indizio di perdite e di rovina, e vedere qualcuno mentre annega prevede mali irreparabili.

ANNUNZIO

70 – 86

Significato divinatorio. Vedere annunci sui muri pronostica inganno; gli annunci teatrali prospettano fama e onore; strapparli prevede un grandissimo dolore; attaccarli, un infortunio; leggerli, imbrogli ricevuti da persone con cui si ha lavorato, fatiche infruttuose. Far pubblicare annunci è indizio di favorevoli movimenti negli affari.

ANTENATI

10 – 74 – 76

Significato divinatorio. Sognare un antenato – afferma la chiave gitana – è un avvertimento contro la negligenza dei nostri rapporti con le persone con cui viviamo: occorre prestare più attenzione ai loro desideri e ai loro consigli. Questa immagine onirica può rivelarsi anche indizio di processi familiari. Veder litigare gli antenati promette eredità.

ANTICHITÀ (vedi anche Monumento)

10 – 63

L’antichità, collegata miticamente all’Età dell’Oro, viene spesso connotata come il tempo del vero, l’originale, l’irripetibile, al cui modello si può soltanto aspirare in un’imitazione mal riuscita.

Significato divinatorio. Un’età felice non poteva che regalarci presagi felici: e infatti vedere in sogno qualcosa connesso al passato remoto dell’uomo promette consolazione, arrivo di amici o inattesa eredità. Acquistare oggetti antichi fa prevedere il ritorno di un parente.

Significato psicologico. Il passato, nei ricordi e nei pensieri, appare sempre trasfigurato in confronto alla realtà: spazi più grandi, oggetti più belli, persone e animali più simpatici e più amabili. Questo si verifica perché rivediamo il passato, lontano nello spazio e nel tempo, con gli occhi dell’infanzia – e con il passato questa viene sempre a coincidere nel vissuto personale.

APE

3 – 34 – 38

Nei geroglifici egizi l’ape svolgeva la funzione di determinare i nomi dei re. Ne risulta evidente la connessione fra il laborioso insetto e i concetti di regalità, di creazione, di ricchezza. Il mito, sempre teso a spiegare le relazioni analogiche fra i vari elementi del reale, fa risalire le api alle lacrime del dio Sole. Astrologia e magia, a loro volta, avvalorano questa tesi, attribuendo al Sole la protezione delle api, emblema di fecondità, ordine e immortalità. Un secondo significato simbolico dell’ape è ravvisabile in Orfeo, che la considera significante dell’anima perché lo sciame esce dall’Unità (l’alveare) e a essa ritorna al termine dell’esistenza.

Significato divinatorio. La positività insita nel simbolismo solare non ha abbandonato l’ape neppure nell’interpretazione moderna, che trae spesso da questo sogno presagi felici. Il sogno delle api è infatti quasi sempre considerato buon auspicio di salute, forza, abbondanza, prosperità. Qualche chiave, però, prendendo a modello gli antichi, lo considera fausto solo per i poveri e gli agricoltori. In genere, comunque, una sola ape promette nozze e figli; molte significano affari propizi; buone speranze se sono al lavoro, buon raccolto se appaiono in sciame. Acchiapparle è indizio di abbondante guadagno.

Una diffusissima superstizione popolare raccomanda di non scacciare mai le api, ma, al contrario, di lasciare aperte le finestre perché possano entrare in casa; quando ciò accade nei sogni e in particolare se le api depongono miele nella casa, i nemici saranno respinti e il sognatore porterà a buon fine le imprese. Veder volare molte api, sempre a causa del legame con il Sole, è decisamente pronostico meno felice, perché l’eccesso dell’elemento fuoco fa temere incendi. Similmente, essere punti da un’ape è avviso di cattivi avvenimenti e di tradimenti da parte di amici. Può anche indicare un carattere difficile, che richiede di essere modificato. Uccidere le api annuncia disgrazia, perdita, rovina. Un buon auspicio di felicità amorosa è legato all’immagine dello sciame che si dirige verso il sognatore. Regalare api è indizio di matrimonio felice.

Interpretazione medica. Sognare di essere punto da un’ape è indizio di un’eruzione cutanea pruriginosa.

APPARTAMENTO (vedi anche Casa)

26-36-81

Significato divinatorio. Secondo la tradizione, sognare un appartamento è pronostico di noia e tristezza.

In particolare, però, se ricco denota vanità, se povero successo negli affari.

APPETITO (vedi anche Fame)

16 – 68

Significato divinatorio. Avere un grande appetito è segno di allontanamento di amici e parenti. Mancarne presuppone l’arrivo di una cattiva notizia.

Significato psicologico. Cibo e sesso, i due istinti primari e inestinguibili, appaiono spesso nel sogno dotati di ruoli intercambiabili.

Spartire del cibo con altri costituisce una chiara allusione al rapporto sessuale.

Conseguenza di tale identità è l’assimilazione del ristorante, il luogo dove si riceve cibo di passaggio, con la casa di appuntamenti.

APPUNTAMENTO

14 – 90

Significato divinatorio. Ricevere un appuntamento significa successo; disdirlo, problemi d’amore o prossima miseria.

AQUILA

2 – 7 – 11 – 58

È il simbolo solare della regalità e della virilità, attributo degli dei del potere e della vittoria, collegato all’oro, al Sole, all’aria e al fuoco. È l’aquila di Zeus che rapì Ganimede per farne il coppiere divino; l’aquila è la messaggera celeste, la cavalcatura di Indra; è lo Scorpione dello zodiaco quando, passato attraverso l’esperienza della morte e della distruzione spirituale caratteristica del suo segno, mette le ali e risorge a più alti spazi. Perché l’aquila è anche questo: l’alto.

Significato divinatorio. L’aquila pronostica riuscita, elevazione, realizzazione delle speranze. Se si leva in volo promette ottime realizzazioni, successo in amore, matrimonio felice; se si ferma su una vetta, riuscita di un’impresa particolarmente ardua. Un’aquila caduta pronostica malattia; morta, danni per i ricchi e guadagno per i poveri.

Se porta la preda tra gli artigli, ammonisce il sognatore affinché faccia attenzione ai nemici, ma se la sta già consumando il presagio è ottimo: ricco e felice matrimonio, guadagni inattesi.

Spararle è sempre indizio di perdita; chiuderla in gabbia, di una grossa vergogna in famiglia; snidarla, di pericolo, minaccia. Un’aquila bianca promette una cospicua eredità.

Significato psicologico. Secondo la scuola freudiana l’aquila simboleggia il padre. Sognarla, per una donna, denota un inconscio desiderio di

gravidanza.

Secondo la scuola junghiana, che la assimila all’altitudine, l’aquila rappresenta invece un’indomabile volontà di dominio e conquista. È la protagonista dell’eterna lotta fra bene e male, fra luce e tenebre, fra spirito e materia, fra cielo e terra. Il sognatore tende allo spazio, al superamento del contingente, ma talvolta pecca di superbia e soffre di un complesso di superiorità che gli crea un concetto troppo elevato di sé.

AQUILONE

61 – 80

Significato divinatorio. Sognare di giocare con l’aquilone significa elevazione seguita da tremenda caduta. Fra le mani di un bimbo, indica fortuna.

ARAGOSTA

22

Significato divinatorio. L’aragosta viva avverte di un forte pericolo di annegamento; morta, è presagio dell’arrivo di un nuovo amante nella vita di chi sta sognando.

ARANCIO

4 – 8 – 44

Il simbolo dell’arancio si chiarisce subito se si considera la tradizione nuziale che ha reso celebri i suoi fiori: amore coniugale, fedeltà, fecondità.

Significato divinatorio. Il significato di questo sogno è in generale molto propizio ma, curiosamente, muta spesso di polarità; a seconda delle tematiche sognate, si trasforma in spiacevole presagio di morte o di perdita dell’essere amato. “Il tuo amante”, sostiene la chiave gitana, “non ti ama e nel matrimonio ti darà dolore”. Non è però da escludere che questo strano simbolismo doppio sia da collegare all’analogia dell’arancia con la mela, il frutto d’amore e di peccato di significato ambivalente.

Vedere arance sull’albero lascia prevedere svantaggi, dolori affettivi. Coglierne, per contro, è indice di futura felicità e di avanzamenti di carriera – anche se meno soddisfacenti di quanto si fosse pregustato. L’arancia è dunque un frutto da cogliere, da mangiare, quando è maturo, con la persona giusta. E anche quando ciò avviene nei sogni è sempre indice di speranze realizzate, di piacere. Comprare questo bel frutto segnala corrispondenze amorose, ottima sintonia fra i parenti, felicità affettiva. Anche cibarsene denota piacere; offrirle, ricco matrimonio.

L’arancia amara, in analogia col suo sapore poco gradito, è presagio di ferita e dolore. Ma in caso si disponga, per pranzo, solo quella, promette eventi positivi. L’albero dell’arancio è legato ai grandi temi dell’amore; privo di fiori, è sinonimo di affetto contrastato; carico di fiori e frutta, di rapporti affettivi con una ricca ereditiera. Piantare un arancio in giardino sembra essere indizio di problemi cardiaci, di lacrime, di noie; ma quando è in fiore promette contentezza.

ARATRO

3 – 56

L’analogia freudiana aratro-pene, arare-coito è nata molto prima della psicoanalisi. Già tre o quattromila anni orsono gli antichi identificavano il solco aperto nella terra con l’organo femminile e trasponevano questa concezione in riti sessuali di fecondità. Nel tempo sacro, scandito da determinate festività, gli sposi si accoppiano nel solco, a imitazione delle sacre nozze di Demetra e Giasone. Il Ramayana, uno dei più grandi poemi epici indiani, raccolta di miti, commenti, notizie cucite assieme dal filo delle vicende di due sposi, dimostra di padroneggiare perfettamente questa analogia: il nome della moglie, una tenera devota ragazza, è Sita – che significa solco.

Significato divinatorio. Identica a quella antica è l’opinione dei moderni: vedere o possedere un aratro è augurio di matrimonio felice e imminente – limitatamente, però, a detta di alcuni, ai soli agricoltori. Adoperare lo strumento promette fortuna; con un cavallo o dei buoi, buone speranze. Spezzarlo è avviso di disturbi nella professione e nell’amore. Arare equivale a sposarsi o, per chi già lo è, a eventi di poca importanza; Se l’aratro visto in sogno si muove nella direzione del sognatore, è presagio di successo; se si allontana, ostacoli e problemi negli affari verranno a turbare la vita di chi sogna.

Significato psicologico. Ripreso dall’antichità, nella psicanalisi il simbolismo permane uguale. L’aratro è fecondità, sesso. La terra arata corrisponde alla madre, alla moglie; quella ancora da lavorare, al corpo di una vergine.

ARCATA

27

Significato divinatorio. I desideri si stanno evolvendo, anche se attraverso eventi difficili, nella direzione auspicata. L’arcata è sempre il simbolo di speranza e di ambizioni gratificate, seppure in maniera alquanto inusuale. Per un uomo, sognare di camminare con una donna sotto a un’arcata presagisce difficoltà in amore; per una donna, attenzioni da parte di un uomo che la disgusta.

ARCIVESCOVO

11 – 25 – 4

Significato divinatorio. In genere l’immagine onirica dell’arcivescovo presenta una connotazione piuttosto negativa: significa infatti pericolo notturno, morte di un amico e, se gli si parla, malattia grave.

ARCO

13 – 53 – 75

Il simbolismo dell’arco appare nei miti e nelle fiabe piuttosto evidente: il regno apparterrà a quello dei pretendenti che riuscirà a scagliare la sua freccia più lontano vale a dire al più forte, al più virile, al più dotato di energia fecondante, al più determinato.

Innumerevoli sono le divinità munite di arco, quest’arma della distruzione, della forza, della conquista amorosa: Shiva, Eros, Apollo, Diana. Fra i segni dello zodiaco, il Sagittario simbolizza col suo arco la tendenza al lontano, al gusto del movimento, al piacere di seguire con curiosità la freccia scagliata.

Significato divinatorio. Vedere un arco è, ai nostri giorni, indizio di tristezza; tirare con l’arco, di consolazione.

Significato psicologico. In psicologia l’arco rappresenta una ferita inflitta alla vita psichica del sognatore: parole velenose, disaccordi. Ma lanciare la freccia conduce all’idea della fedeltà, dell’intraprendenza, della fede nelle proprie capacità.

In Freud, la freccia è organo genitale maschile; l’arco che la scocca, la femminilità provocatrice e la vagina.

Interpretazione medica. Sognare di scoccare una freccia può rivelarsi indizio di incipiente reumatismo articolare. Una sola freccia indica invece una manifestazione patologica dolorosa a livello cutaneo.

ARCOBALENO

11 – 43 – 44 – 45

L’arcobaleno era per i Greci la dea Iride, dotata di arco e di un abito multicolore, scelta da Giunone come messaggera per vendicarsi contro Giove, che aveva preposto il figlio Mercurio a tale ruolo. Neppure la cristianità riuscì a scalzare l’arcobaleno dalla sua funzione di mediatore dei due mondi: esso divenne allora l’emblema dell’alleanza fra Dio e gli uomini stipulata dopo il Diluvio.

Significato divinatorio. Il presagio fornito dall’arcobaleno è determinato, nel sogno, dalla sua collocazione spaziale. Verso destra (perché la destra, il punto cardinale riferito all’alba, è ritenuto propizio) è ottimo indizio di ricchezza per i poveri e guarigione per i malati. A sinistra invece, in analogia col tramonto, la previsione si rovescia, favorendo i ricchi e derubando i poveri anche della speranza. Un arcobaleno diritto sopra il capo del sognatore segnala mutamento di posizione, eredità, viaggi, buone notizie, incontro con una persona dolce e amabile; ma, se è interrotto al centro, costituisce un triste pronostico di morte per chi sogna o di rovina per la sua famiglia.

ARGENTO

5

L’argento è per eccellenza il metallo lunare, femminile, adatto ai nativi del segno del Cancro e connesso ai grandi temi della femminilità, della fecondità, della nascita, della notte.

Significato divinatorio. L’argento in lingotti rivela necessità di economia. Se visto sotto forma di pezzi di argenteria, il pronostico si rovescia, colorandosi di negatività. Mentre vederlo soltanto presagisce abilità commerciale e una buona situazione patrimoniale, acquistare dei pezzi di argenteria è indice di mutamenti, di furbizia, di sfortuna.

Cambiarlo è avviso di disperazione; trovarlo, di rovina; possederlo, di grave malattia e nera miseria; riceverlo in dono, di favori da rendere agli amici. Vederlo è invece promessa di guadagni e miglioramento negli affari.

ARIA

17 – 64

È il più sottile, mobile, incorporeo dei quattro elementi connesso con il respiro e con il soffio vitale animatore della materia. Dio soffiò nelle immagini plasmate con l’argilla, e fu l’uomo. Lo Yogi indiano, mediante il controllo e la modulazione del soffio (il prana) manipola le energie universali e raggiunge stati di trascendenza e poteri capaci di annullare le leggi della natura.

Significato divinatorio. L’aria pulita, chiara, costituisce un sereno presagio di gioia e fortuna, di amicizia, riconciliazione e vittoria sugli avvenimenti, di successi e viaggi felici, in genere di prosperità. Scura, tenebrosa, segnala malattia, ostacoli, pericoli e una grande tristezza. L’aria profumata di fiori assicura pace, buone associazioni, viaggi. Sognare persone che “si danno delle arie” diffida dal sollevare querele.

ARIETE (vedi anche Capra)

58 – 84

Il Capro, o Ariete, è il primo segno del cerchio zodiacale: un segno di primavera, d’inizio di stagione, e di questo inizio conserva tutto l’impeto e il fuoco. Simbolo di Pan, o immagine stessa del dio, rappresenta la concretizzazione delle forze selvagge e creatrici della natura; è l’inizio, il capo, l’esplosività delle energie giovani e rigogliose della vegetazione e del sesso.

La forza fecondatrice del Capro e la sua istintività, che si trasformano in sessualità liberatoria esaltata nel paganesimo istintivo e felice di Silvano, Bacco, Dioniso, Pan, vengono represse e condannate dalle religioni severe e moralistiche come l’ebraismo e il cristianesimo. Gli ebrei hanno fatto dell’ariete l’emblema della colpa di Israele, lapidato e sacrificato ritualmente ogni anno per ottenere l’espiazione dei peccati. Il cristianesimo lo ha trasformato in demonio e ha inventato la curiosa leggenda dell’usanza, presso le streghe, di baciare in segno di rispetto il deretano del sovraintendente di Satana, un enorme e nero caprone di nome Leonardo.

Significato divinatorio. Presagio decisamente infelice, il capro indica, nelle moderne chiavi, testardaggine, inimicizia, lussuria sfrenata, legami illeciti e pericolosi. Se il sognatore viene urtato dall’animale, ciò segnala afflizioni provenienti da un superiore; se ne osserva soltanto uno al pascolo, dovrà salvaguardarsi dagli avversari. Trovarne dei resti è cattivo auspicio; una mandria, però in analogia con il concetto di fecondità, promette cospicue eredità.

Significato psicologico. Talmente evidente da non spendervi più di una parola: sesso.

ARMADIO (vedi anche Mobilio)

11 – 13 – 47 – 49

Occorrerà regredire di qualche decennio nel tempo e abbandonarsi per un attimo al gioco delle associazioni per comprendere l’origine della sua interpretazione. Dunque: armadio-baule-biancheria-ricchezza-dote-matrimonio.

Significato divinatorio. Il matrimonio, appunto, il fidanzamento e anche la felicità, la ricchezza, il successo sono i doni offerti da questa immagine onirica. Acquistarlo denota gioia e agi. Un armadio vuoto è, al contrario, di cattivo auspicio: indica per l’uomo pericolo di ferite; per la donna, tradimento. Neppure un armadio in disordine o eccessivamente stipato è favorevole, in quanto rivela inganni coniugali.

Significato psicologico. Come tutti gli oggetti cavi simboleggia, secondo la scuola freudiana, il corpo femminile.

ARMATA

9 – 62

Significato divinatorio. L’immagine di un’armata costituisce un chiaro segno di rovina e desolazione.

Vederla in battaglia annuncia al sognatore perdite economiche causate da coloro cui ha affidato i propri averi; vittoriosa, è cattivo pronostico di dolore e tristezza; vinta, promette invece che il malcontento avrà breve durata.

ARMI

60 – 63

Significato divinatorio. Vedere armi in sogno costituisce un’indicazione di fierezza e onore. Possederne però, oltre a una carica importante, lascia prevedere discussioni e alterchi. Riceverle pronostica gloria; tenerle in mano, successo; fabbricarne, convalescenza e recupero delle forze; esserne ferito, arreca guarigione. Udirle tintinnare significa paura; esercitarsi, onore; arrendersi di fronte a un’arma, dispiacere; romperle segnala l’esistenza di nemici troppo potenti; spezzarle in due costituisce un pessimo augurio. Veder fuggire degli uomini armati equivale a una probabile vittoria; vederli avanzare indica sicurezza: il sognatore non ha nulla da temere. Un colpo di arma da fuoco prevede guadagni imprevisti.

Significato psicologico. Nel freudismo l’arma è identificata con il fallo, quindi con la sessualità maschile, il coraggio, l’aggressività; nella scuola junghiana è assimilata invece con la volontà diretta a uno scopo preciso.

ARPA (vedi anche Strumenti musicali)

64

L’arpa è lo strumento mistico per eccellenza, lo strumento degli angeli; a differenza dell’impeto della tromba (che indica vittoria, trionfo), parla un linguaggio di dolcezza e, come descritto nell’Edda, facilita l’accesso all’altro mondo.

Significato divinatorio. Vedere un’arpa denota altruistico desiderio della felicità altrui; suonarla, armonia coniugale, dolcezza, sentimenti puri ed elevati.

ARRABBIARSI (vedi Adirarsi)

ARRAMPICARSI

27 – 41

Significato divinatorio. Arrampicarsi su un albero promette onori, miglioramento della situazione presente; su un muro, avverte di diffidare dei domestici; su una roccia (con fatica), preannuncia progetti ostacolati; su una collina, un grande avvenimento.

Significato psicologico. Arrampicare, da cui il termine “arrampicatore

sociale”, si connette – com’è intuibile – allo sforzo e all’ambizione.

ARRESTARE

3 – 25 – 39

Significato divinatorio. Essere arrestato preannuncia perdita, virtù male ricompensate. Veder arrestare qualcuno costituisce un messaggio: dedicatevi con amore a chi ha bisogno di voi.

ARRIVO

46

Significato divinatorio. L’arrivo di persone sconosciute è indice di una grande notizia; di un amico o parente, svela un tradimento; della persona amata, fa temere una separazione.

ARROSTO (vedi anche Carne)

8 – 24

Significato divinatorio. Arrostire della carne in sogno significa speranza ben riposta; odorarla, avvisa della vanità di ogni tentativo; mangiarla, auspica benessere.

ARTO (vedi anche Braccio, Gamba)

6 – 53

Significato divinatorio. Perdere un arto indica che il sognatore sarà vittima di un furto; vederlo, segnala la fine di ogni preoccupazione. Essere smembrato è avvertimento di grave pericolo.

Significato psicologico. L’arto, come ogni estroflessione del corpo, corrisponde, nel linguaggio psicoanalitico, al fallo. Per l’uomo, perdere un arto ha un significato di castrazione; per la donna, di deflorazione.

I due arti superiori o inferiori simboleggiano invece i fratelli del sognatore.

ASCENSIONE

4

Significato divinatorio. L’ascensione è significante onirico di una grandezza passeggera, destinata a finire. In particolare: in montagna, segnala inganni da parte di donna, perdita di processi; in pallone, dolori familiari.

ASCENSORE

9 – 51 – 59

Significato divinatorio. Il sogno prevede un precoce invecchiamento.

Significato psicologico. L’ascensore rappresenta i contenuti inconsci che tentano di risalire alla coscienza o, al contrario, si inabissano ancor di più nella sfera istintuale.

Si tratta in sintesi di un processo psichico che si sta muovendo in senso evolutivo o involutivo. Secondo la concezione freudiana, l’ascensore è collegato al piacere, all’eccitazione che sta crescendo fino alla conseguente erezione o che invece si sta spegnendo.

ASCESSO

77

Significato divinatorio. Presagisce ricchezza per amici e parenti; per il sognatore, invece, è indice di problemi di salute rispecchianti il sogno stesso.

ASCIA

7 – 17 – 34 – 77

Come emblema di fecondità, l’ascia costituisce un simbolo connesso al potere lunare.

Significato divinatorio. Il sognatore è minacciato da insidie o da inganni.

ASCIUGARE

40

Significato divinatorio. Stendere i panni ad asciugare sembra presagire un mutamento di residenza.

ASILO INFANTILE

16 – 36 – 40

Significato divinatorio. In sogno, è presagio di felicità senza macchia.

ASINO

36-89

Ignoranza, testardaggine, umiltà sono le tre caratteristiche tramandateci dalla tradizione per definire l’asino. Presso i Caldei, era messaggero della morte: la divinità che vi presiedeva si manifestava inginocchiata su un asino. I Greci non si discostavano molto da questa posizione, e lo collegavano al pianeta Saturno, in relazione con la materia, la terra, l’isolamento, la fine di tutte le cose; lo veneravano per aver leggendariamente salvato dei guerrieri e lo attribuivano volentieri – forse proprio per questo – anche a Marte e a Dioniso. Fu invece odioso agli Egizi, tanto che nelle loro chiavi oniriche compare spesso l’identità tra asino e provocazione.

Significato divinatorio. Vedere un asino denota malizia, fastidi, seccature e litigi. Oggi l’asino, nonostante la tradizione cristiana lo abbia esaltato per i servigi compiuti nella stalla al neonato Gesù, porta sfortuna, invita alla cautela e consiglia di tenere gli occhi sempre bene aperti.

Udirlo ragliare significa danno, vane fatiche, denaro perduto, delusioni amorose; vederlo correre, litigi, prossimo incidente; vederlo camminare a passo spedito invita a diffidare di un falso collaboratore; vederlo scalciare equivale a pericolo di licenziamento; vederlo seduto sul suo giaciglio è indizio di duro, indefesso lavoro.

Nutrirlo informa il sognatore del fatto che si sta sacrificando per un ingrato. Un asino bianco presagisce ritardi nella corrispondenza; rosso, inganni femminili; nero, contusioni craniche, prossima malattia. Molti asini insieme sono indice di dolore e sfortuna; la femmina, di noie e per gli studenti di bocciatura.

Cadere da un asino denota insuccessi; essere inseguito presentisce calunnie; ucciderlo, catastrofi. Pochissime le eccezioni a questa cascata di interpretazioni negative: un asino molto carico assicura l’obbedienza della moglie e di amici fedeli; grigio, segnala successi sentimentali. Cavalcarlo è indizio di riuscita sicura, anche se lentamente raggiunta.

Significato psicologico. Rifacendosi alle antiche interpretazioni, la psicologia freudiana assume l’asino a simbolo di fecondità e virilità; per quella junghiana rappresenta l’emblema della pazienza e della perseveranza.

Interpretazione medica. Sogni di asini possono essere causati dalle prime avvisaglie del morbo di Parkinson o di altre patologie che comportano lentezza e difficoltà di movimento.

ASPARAGI

4 – 82

Significato divinatorio. Vedere degli asparagi fuori dalla terra è promessa di prosperità, lavoro, ricompensa, successo, figli maschi. In un recinto, presagiscono riuscita.

Coltivarli è sinonimo di futura felicità; mangiarne, di gioia domestica, di fiducia ben riposta nel sognatore.

Significato psicologico. La sua forma fallica non lascia dubbi: l’asparago è simbolo dell’organo sessuale maschile.

ASSASSINARE (vedi anche Uccidere)

20 – 63 – 77

Significato divinatorio. Probabilmente ricollegandosi al simbolismo della distruzione attuata per ricostruire e della morte per la rinascita, l’atto di assassinare qualcuno, curiosamente, promette in sogno gioia inattesa, uscita da una malattia o da un periodo sfortunato.

Essere assassinato segnala la necessità di sacrificarsi, ma promette anche il ritorno di persone lontane ritenute morte. Vedere degli assassini presuppone una prossima riunione con i parenti.

Significato psicologico. Oggi sono ancora purtroppo molte le motivazioni per cui l’uomo uccide l’uomo: motivazioni quasi sempre sorrette da una forte aggressività latente o istituzionalizzata (la guerra). Anticamente, esisteva una diversa forma di omicidio: l’assassinio rituale imperniato sui grandi temi della rinascita, del sacrificio e della magica potenza del sangue, evocatore di fertilità. Il sogno dell’assassinio riveste una fondamentale importanza psicologica: il sognatore cerca nella manifestazione onirica una catarsi, una rottura di vecchi schemi per ricreare tutto da capo dal nulla.

Nel linguaggio psicoanalitico, in analogia con le forze violente del sangue che significano o creano fecondità, l’assassinio corrisponde al rapporto sessuale.

ASSEMBLEA

40 – 68

Significato divinatorio. In generale, l’assemblea può essere scherzosamente definita il simbolo onirico del “così tutti vissero felici e contenti”. Sembra infatti promettere profitti a tutti: al sognatore, ai suoi famigliari, ai suoi amici. Un’assemblea di soli uomini consiglia però caldamente di diffidare dei rivali. Segno ancora meno felice è partecipare a un’assemblea di giudici che predice un matrimonio mancato per maldicenza.

ASSENTE

34 – 38

Significato divinatorio. Sognare una persona assente, se si tratta di un uomo, significa eredità che sfuma; di una donna, problemi domestici. Se il sognatore percepisce l’assente accanto al proprio letto, ciò è segnale di cattive notizie.

ASSENZIO

27 – 85

Significato divinatorio. Sognare di bere l’amara e aromatica bevanda prospetta un dolore cui farà seguito una gioia. Secondo le chiavi oniromantiche gitane, questo sogno sarebbe un chiaro avvertimento di non far uso di medicinali o droghe.

Vendere dell’assenzio è indizio di perdita sicura. Comprarne lascia intendere un presentimento d’amore.

ASTINENZA

7

Significato divinatorio. Sognare di far voto di astinenza è per un uomo promessa di successo nei confronti di nuove prospettive; per una donna, di riuscita in un affare che le sta particolarmente a cuore.

ATTORE (vedi anche Commedia, Recitare)

27

Significato divinatorio. Sognare di essere un attore denota fallimenti, preoccupazioni, spese eccessive, ma induce a sperare nell’aiuto di amici fidati. Essere un’attrice costituisce invece presagio più gradevole, in quanto indica progetti riusciti, vita felice. Questo sogno avverte i coniugi che non sussiste nessun motivo di gelosia; i disaccordi vigenti fra fidanzati saranno solo temporanei.

ATTREZZI (vedi Strumenti)

AURORA

32 – 37

L’aurora, Eros per i Greci, Usas per gli Indù, fanciulla danzante che scosta dal corpo i suoi veli, è il simbolo del principio.

Significato divinatorio. Sognare l’aurora appare favorevole ai mutamenti della sorte e promette radiosa speranza, maternità. L’aurora boreale consiglia la massima economia e circospezione negli affari.

AUTOBUS

26

Significato divinatorio. Il sogno è indice di un progresso lento ma sicuro.

Significato psicologico. Nel linguaggio onirico, l’autobus raffigura una fase breve dell’esistenza in cui prevale il desiderio di anonimato, di conformarsi in tutto e per tutto agli altri. Sognare di perdere l’autobus denota uno stato di esaurimento fisico; salire sull’autobus sbagliato, conflitti circa la direzione da prendere. L’autobus affollato segnala una situazione di forte competitività con altri individui.

AUTOMOBILE

25 – 66

Un simbolo onirico privo di radici antiche, un archetipo neonato, che nella folle corsa della civiltà dei consumi ha impiegato solo trenta o quarant’anni a mutare volto. Chiavi oniromantiche datate entro la prima metà del secolo scorso tendevano ad attribuire all’automobile un significato propizio di ricchezza e abbondanza, distintivo di classe perché così l’automobile era effettivamente considerata dai più. Ma che dire, oggi, di questo comunissimo mezzo di trasporto, ormai spesso soppiantato dall’aereoplano, di quell’automobile che, privilegio di pochi solo qualche decennio or sono, è entrata così strettamente a far parte della vita delle masse? Esistono, è vero, individui nevrotici ancora incapaci di rinunciare al culto del mitico giocattolo ed esiste ancora la concezione dell’auto come fattore di compensazione di complessi e frustrazioni personali – ma questo non può esserci utile nel tentativo di smontare i simboli per coglierne l’essenza. Il simbolismo onirico dell’auto, oggi, si incentra non più sull’aspetto economico esteriore dell’autovettura, ma piuttosto sull’arcaico motivo della velocità e sul ruolo del sognatore come autista.

Significato divinatorio. Sedere in una macchina veloce, o riceverla in dono, è auspicio di successo. Guidare con sicurezza e perizia è indizio di una buona conduzione degli affari; ma, se non si tiene conto degli ostacoli disseminati sul percorso, ciò denota, nel sognatore, una certa mancanza di scrupoli. Guidare a fari spenti è espressione di solitudine; a velocità folle, di rovina; a velocità moderata, di buoni affari. Un’auto incendiata o guasta presagisce disturbi, cattiva salute; bruciata, è segno di chiaro pericolo; un’auto sovraccarica si traduce nel consiglio offerto al sognatore di mettere ordine nella propria esistenza. Doversi fermare per mancanza di benzina rivela ambizioni troppo ardite. Per una donna, sognare di guidare una macchina è sinonimo di avversità.

Significato psicologico. Secondo la scuola freudiana, l’automobile in sogno rappresenta tra l’altro la psicoanalisi stessa; secondo quella junghiana, la maschera che si tenta di mostrare agli altri, la personalità esterna del sognatore; in particolare: i freni sono l’autocontrollo; il motore è l’energia vitale; le ruote, la fiducia in sé; la carrozzeria, il corpo. Per le donne l’automobile simboleggia anche la virilità, l’energia. Per l’uomo, la donna. Essa viene così ad assumere un chiaro simbolismo sessuale. Un’auto vecchia, per esempio, prende il posto, nel sogno, di una persona malandata; essere in panne allude a una situazione di scarsa fiducia in sé, ma soprattutto alle pratiche autoerotiche. Infrangere le regole del codice stradale è indizio di una condotta sessuale sregolata; investire pedoni, di sadismo. Essere investito equivale invece a forti istanze masochistiche e alla paura della violenza carnale.

Interpretazione medica. Sognare un guasto all’apparato d’illuminazione dell’auto è indice di un particolare stato di stress. I problemi digestivi sono segnalati dal tema dell’incidente e dalla mancanza di benzina; la ruota sgonfia denota invece dolori agli arti.

AVARO

24 – 69 – 5 – 90

Significato divinatorio. Sognare di essere o di avere a che fare con un avaro presagisce dolore ed eventualmente morte per il sognatore o un parente stretto.

AVENA

14 – 18 – 33 – 77

Significato divinatorio. Vedere delle spighe di avena ben mature promette felicità e buone prospettive per il futuro, ma mieterle è presagio di sfortuna.

AVORIO

10 – 24 – 28

Significato divinatorio. L’interpretazione di questo sogno deriva dall’uso talismanico dell’osso, secondo la tradizione foriero di lunga vita, di salute, di amori felici. Sognato, elargirebbe gli stessi doni.

AVVELENARE

4 – 9 – 67

Significato divinatorio. Sognare di avvelenare qualcuno denota timidezza. Essere avvelenato presagisce la perdita di amici. È anche possibile che il sognatore venga insultato senza che lo meriti.

AVVERSARIO (vedi anche Nemico)

8 – 60 – 64

Significato divinatorio. Incontrare l’avversario (o il nemico) indica disturbi, dispiaceri che saranno enormi se il sognatore ne sarà vinto. Vincerlo annuncia contese, perdite. Parlargli è un avvertimento: fare attenzione agli inganni. Un avversario di sesso opposto rispetto al sognatore preannuncia ostacoli sulla via dell’amore.

AVVOLTOIO

4 – 5

L’avvoltoio, l’instancabile divoratore del fegato di Prometeo (l’uomo incatenato a una rupe per aver rubato il fuoco agli dei), simboleggia la terra. Non è difficile comprendere la ragione, considerata la sua predilezione per i cibi cadaverici, putridi, che lo pone in stretta relazione con la morte e quindi con la madre.

Significato divinatorio. L’associazione avvoltoio-morte non si è perduta nei secoli, tanto che ancor oggi la sua immagine onirica continua a presagire malattie lunghe e talvolta letali. Vederlo volare in alto (e in questo caso prevale il simbolismo del cielo rispetto a quello proprio dell’animale) promette elevazione. Trionfare su un avvoltoio è ottimo segno, che prevede il ritorno della calma, della salute e della fortuna; ucciderlo equivale a svelare la malvagità altrui e sopraffare, dopo lunghe lotte, i nemici. Un avvoltoio morto pronostica la caduta di un alto personaggio.

AZZURRO

43 – 64

È il colore di Giove, quindi del cielo stellato, della saggezza e della religiosità. In Egitto la dea Maat, che sovrintendeva alla verità, vestiva in questa tinta perché l’azzurro era il colore del vero.

Significato divinatorio. Azzurro in sogno significa serenità, guadagni, sentimenti dolci e puri: la sua relazione col pianeta della fortuna lascia largo spazio a questa interpretazione. A un azzurro molto cupo alcune chiavi attribuiscono però un significato di pericolo e di speranze fallaci.

Significato psicologico. Simbolo di infinito, l’azzurro allude alle mitiche regioni lontane.

In fondo all’anima del sognatore c’è un desiderio nascosto di evadere la realtà, di fuggire verso l’Isola del sogno.

 

 

 

 

 
 

 

 

 
 
 

 

 

 

 

 
 
 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 
 
 

 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 
 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *