Stanco di un lavoro monotono? Con molta probabilità sei uno “Scanner”

lavoro_stancante_scanners

Siete anche voi scanners?

Vi interessate a una moltitudine di cose, apparentemente non correlate fra loro?
Ogni settimana siete attratti da una novità diversa?
Avviate molti progetti, ma poi cambiate prima di portarli a termine?

Se avete risposto sì ad almeno due domande, allora molto probabilmente siete “scanners”.

Ma chi è esattamente uno scanner?

È una persona che adora imparare ed esplorare le novità, ma che al contempo si stufa facilmente. Una persona interessata più alla varietà che all’approfondimento.

Gli  scanners vogliono imparare quel tanto che basta per comprendere i lati più interessanti di qualcosa e poi passare ad altro.
Spesso sono definiti “rinascimentali”, per analogia con lo scanner più famoso della storia: Leonardo da Vinci, scienziato, matematico, ingegnere, inventore, anatomista, pittore, scultore, architetto, botanico, musicista e scrittore.

Anche lui spesso non portava a compimento i propri progetti, quindi direi che siete in ottima compagnia.
Di frequente gli imprenditori sono scanners, mettono tutto l’entusiasmo di cui sono capaci nell’avviare qualcosa di nuovo, e con buoni risultati.

Se sei uno Scanner è giunto il momento di trovare la tua strada

Adesso devi trovare una tua dimensione…ti consiglio di leggere il post:

Mollo tutto e faccio quello che mi pare

Fino a poco tempo fa la vostra attività sembrava entusiasmante e stimolante e ora vi fa morire di noia?

Capita, anzi, direi che è normale.

I progetti e i compiti più intriganti sono sempre quelli al limite delle nostre possibilità ma, una volta che li abbiamo fatti nostri, perdono smalto e questo significa che siete pronti per andare avanti.

Il mondo del lavoro tradizionale cerca di stipare tutto ciò che siamo all’interno di una scatoletta e di affibbiarci un’etichetta:

programmatore,

contabile,

designer,

scrittore.

Ma una sola definizione a volte vi va troppo stretta.

Forse vi sentite più fatti di “barre”:

programmatore/attivista,

contabile/business coach,

arredatore d’interni/opinionista in tv/musicista,

scrittore/oratore/genitore,

e via dicendo.

Ognuno di noi ha il proprio ritmo, qual è il vostro?

Vi piace approfondire un argomento e specializzarvi per alcuni anni prima di proseguire? Oppure vi stancate facilmente e passate di continuo a qualcosa di nuovo per mantenere vivo l’interesse?

Se appartenete a quest’ultima categoria, se vi piace cambiare spesso, siete ciò che Barbara Sher, massima esperta di professioni statunitense, chiama «scanners».

Questo post è uno stimolo per incoraggiarti, a trovare la tua vera essenza e dimensione lavorativa. Ti consiglio di leggere un libro che stravolgerà totalmente la tua percezione di “lavoro”, e ti permetterà di creartene uno su misura. Il libro è Mollo tutto! E faccio solo quello che mi pare di John Williams

Non mi resta che augurarti buona lettura!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *