In arrivo “RevOILution”… per autoprodurre l’olio extravergine d’oliva in casa. Ecco il VIDEO che spiega come funziona

revoilution

Che in questi ultimi anni l’homemade stia spopolando è ormai dato di fatto: dai prodotti di bellezza alle conserve, dagli essiccatori per alimenti fino ad arrivare ai mini box per produrre germogli… Ma, almeno fino ad oggi, a nessuno era venuto in mente di produrre in casa anche l’olio.

Ebbene, una piccola realtà italiana ha sviluppato un elettrodomestico che permetterà a chiunque di produrre dell’olio extra vergined’oliva direttamente in casa. Stiamo parlando di RevOILution, un innovativo elettrodomestico in grado di produrre in soli 45 minuti dell’olio extra vergine d’oliva spremuto a freddo, in ogni stagione dell’anno e, soprattutto, senza alcuna alterazione. Non una semplice spremuta d’oliva – ha spiegato Antonio Pagliaro, ideatore, fondatore e amministratore di Age, la Start Up che ha inventato e realizzato RevOILution – ma olio vero, realizzato con un processo completo, dalla spremitura alla gramolatura, che separa l’acqua dall’olio e attiva i polifenoli. Fino alla fase di separazione della parte liquida da quella solida“. Il VIDEO:

Non solo, perché la piccola startup ha anche pensato a come ovviare al problema delle stagioni durante le quali le olive non si raccolgono: oltre alla macchina per la spremitura, infatti, è disponibile anche il Bag d’O,confezioni di olive italiane selezionate per varietà, surgelate al momento della raccolta e racchiuse in contenitori sottovuoto per mantenerne intatta la fragranza nel tempo. “Con un chilo di olive si ottengono circa 125 millilitri d’olio a un costo medio di 15 euro al litro, simile a quello dei piccoli produttori tradizionali– ha precisato Pagliaro – Inoltre RevOILution consiglia quale miscela di olive scegliere in base alle preferenze personali”.

Senza dimenticare quello che Pagliaro ha definito come “l’alto valore etico“: la startup, infatti, oltre adaiutare i piccoli produttori a commercializzare le olive senza essere emarginati dalle grandi aziende, farà produrre l’elettrodomestico(realizzato in acciaio e alluminio, così da garantire una durata ventennale) in Italia. Per comprarlo, però, (il costo iniziale dovrebbe aggirarsi intorno ai1.000 euro) bisognerà attendere ancora qualche mese: la startup sta difatti completando i test e dovrebbe avviareuna campagna di crowdfunding su Kickstarter o Indiegogo per raccogliere capitali per l’industrializzazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *