Fegato e Coliche biliari: ecco 3 rimedi naturali super efficaci

fegato

Contrariamente ad altri organi, il fegato non rivela chiaramente i propri problemi finché non è in seria difficoltà: il suo linguaggio si esprime in sordina, con malesseri quali nausea ed emicranie, cattiva digestione, gas e gonfiori addominali, sfoghi cutanei, vulnerabilità a infezioni virali o batteriche e perfino ipertensione. A farsi sentire chiaramente è invece la cistifellea, che esplode in dolorosissime coliche.

Per prevenire le coliche biliari è importante correggere la dieta riducendo grassi e colesterolo, eliminando i carboidrati raffinati e aumentando l’apporto proteico e gli alimenti ricchi di fibre per stimolare la produzione di bile e renderla più fluida.

A formare i calcoli è infatti molto spesso il colesterolo naturalmente presente nella bile che quando si cristallizza può formare “sassolini” grandi anche due o tre centimetri di diametro.

3 rimedi di emergenza per le coliche biliari

Il dolore acutissimo delle coliche biliari deriva da uno spasmo della colecisti, che si contrae nel tentativo di sbarazzarsi di un corpo anomalo – fango biliare o calcolo -incuneato lungo il canale di deflusso della bile. La colica si annuncia con un dolore violento nella zona del fegato (lato destro del fianco), o alla bocca dello stomaco, ed è scatenata da stress intenso, rabbia repressa, consumo di cibi grassi e eccessi alimentari.

Belladonna:
fegato

Fiore di Belladonna

in caso di colica biliare è bene assumere immediatamente una monodose di Belladonna 200 CH globuli (potete trovare il prodotto nella maggior parte delle farmacie), per sedare il dolore e ridurre rapidamente l’infiammazione

Carciofo:
fegato

Carciofo, utile per la produzione della bile

Tra i rimedi naturali possiamo ricorrere al carciofo, ricco di fibre alimentari, mucillagini, flavonoidi, insulina e soprattutto cinarina, un polifenolo che, oltre a promuovere la produzione di bile e lo svuotamento della colecisti, disintossica il fegato e abbassa il colesterolo.

Si assume in tintura madre: 30 gocce in mezzo bicchiere d’acqua, mezz’ora prima di pranzo e cena, per cicli di due mesi.

Fiori di Bach

La diluzione floreale antitossica comprende i seguenti fiori: Gentian, Crab, Apple, Holly e il Mountain Pride ( indicato a tutti coloro che a furia di trattenersi, rischiano di “farsi il sangue amaro” espressione che indica il travaso di bile.)

4 gocce per 4 volte al giorno, sotto la lingua

 

Consigliata anche la lettura di: Guarire il fegato con il lavaggio epatico

fegato fegato fegato fegato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *